ZUPPA DI CASTAGNE SECCHE FAGIOLI E PATATE

 


Antichissimo piatto in uso in tutto l’Appennino Tosco Emiliano, io ho raccolto questa ricetta in alta Garfagnana a confine con la provincia di Modena.
In una pentola mettete 100 gr a testa di castagne secche a cuocere in abbondante acqua salata, dopo circa un’ora e mezzo saranno tenere e aggiungerete una patata a testa e una manciata, sempre a testa, di fagioli scritti o borlotti lessati.

 


In una padella fate un soffritto di un battuto di lardo e cipolla tritata, fatelo andare lentamente facendo diventare trasparente la cipolla, aggiungete della conserva e fate cucinare alcuni minuti.
Unite il soffritto al brodo di castagne regolate secondo il vostro gusto di sale e di pepe, cuocete ancora una decina di minuti, poi versatelo su pane casalingo passato in forno.


Questa ricetta ha delle varianti o se volete delle ricette parallele che prevedono al posto del pane il riso o il farro oppure aggiunta al soffritto e poi fatta cuocere a dovere del cavolo verza o viola tagliato finemente.
Sul versante Appenninico dell’Emilia Romagna spesso al posto del pane usano la piadina meno spesso le tigelle.

FONTE EZIO LUCCHESI

Share