Visoni danesi trasmettono variante COVID: “Rischio nuova pandemia”

Una variante del coronavirus è stata trovata negli allevamenti di visone danesi ed è stata già trasmessa agli umani. Gli esperti mettono in guardia dal rischio di «dover ricominciare tutto da capo»

Visoni danesi trasmettono variante COVID: “Rischio nuova pandemia”

Fra i 15 e i 17 milioni di visoni saranno abbattuti nel corso dei prossimi giorni in Danimarca. L’annuncio è arrivato in seguito alla scoperta che negli allevamenti è stata trovata una variante del coronavirus che potrebbe mettere a rischio l’efficacia del vaccino.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto di essere in comunicazione con le autorità danesi.

Variante di coronavirus nei visoni danesi, saranno abbattuti

La prima ministra danese Mette Frederiksen ha comunicato che i visoni danesi vanno abbattuti subito. Il nuovo ceppo del virus trovato negli allevamenti e che è già stato trasmesso agli umani mostra minore sensibilità agli anticorpi. Questo potrebbe ridurre l’efficacia dei futuri vaccini, ha detto Frederiksen.

Abbiamo una grande responsabilità nei confronti della nostra popolazione, ma con la mutazione che è stata scoperta adesso ne abbiamo una ancora più grande anche nei confronti del resto del mondo”, ha detto la prima ministra.

L’esportazione di visone costituisce quasi l’1% del PIL della Danimarca.

leggi anche

Vaccino COVID, in arrivo un antidoto 10 volte più potente degli altri candidati

Visoni, rischio nuova pandemia

Siamo stati informati dalla Danimarca del caso di persone infettate con il coronavirus dai visoni, con mutazioni genetiche nel virus”, ha comunicato l’OMS in una mail a Reuters. “Le autorità danesi stanno indagando sul significato epidemiologico e virologico di questa scoperta”, ha continuato l’OMS.

Il Governo danese ha comunicato che sono stati registrati 12 casi di coronavirus mutato negli umani e che la popolazione di visoni è fra le 15 e le 17 milioni di unità.

Il professore di Veterinaria dell’Università di Aarhus Christian Sonne ha detto che “Cina, Danimarca e Polonia dovrebbero supportare ed estendere lo stop immediato e completo della produzione di visione”.

Lo scenario peggiore è quello di una nuova pandemia, iniziando tutto da capo dalla Danimarca”, ha detto il direttore dello State Serum Institute, Kare Molbak.

Tentativi di fermare la variante di coronavirus erano stati già presi, senza successo, in Danimarca, il più grande produttore al mondo di pellicce di visone. Per rendere più rapido l’abbattimento degli animali saranno impiegate polizia, esercito e guardia nazionale.

Share