Vino: Il Consorzio del Chianti punta all’estate “Raddoppieremo le vendite del ‘rosso’

aumentando il consumo consapevole”

 Consorzio Chianti 5

Milano, 4 maggio 2016 – Incrementare le vendite del ‘rosso’ nel periodo estivo grazie ad un consumo consapevole e una corretta degustazione. E’ questo l’obiettivo del Consorzio del Vino Chianti che oggi a Milano ha presentato la nuova campagna nazionale #chiantigustalofresco che prevede il coinvolgimento di oltre 7.000 punti vendita della grande distribuzione sul territorio nazionale.

 

Da maggio, in ogni punto vendita delle catene Conad e a luglio nei punti vendita Coop, il consumatore avrà infatti la possibilità di essere informato sulle corrette modalità di consumo del Chianti durante la stagione estiva avendo in omaggio uno strumento ad hoc: il braccialetto che misura la temperatura di servizio. La temperatura ideale sono i 16° gradi che si trovano in cantina e che mantengono profumi e aromi di un rosso durante il periodo estivo.

 

Secondo il Centro Studi del Consorzio, la vendita del Chianti in Italia nei mesi da maggio ad ottobre rappresenta il 40% della vendita annuale. La denominazione conta circa 100 milioni di bottiglie vendute nei dodici mesi. Il mercato nazionale assorbe 30 milioni di bottiglie di cui il 55% nel canale della distribuzione moderna e il 45% nel libero mercato. Su 16 milioni di bottiglie destinate alla grande distribuzione, le aree principali di vendita sono il nord-ovest, Lombardia, Lazio e Toscana.

 

“Abbiamo immaginato di dare un contributo di attrattiva attraverso un’iniziativa, che è sia creativa che costruttiva – spiega Lorenzo Tersi, wine advisor che oggi ha illustrato la campagna – nell’ottica di aumentare la cultura verso questo tema che coinvolge non solo il Chianti ma tutti i produttori di vino rosso italiano.”

 

“Con questa campagna, che sarà lanciata anche attraverso i social network – spiega Giovanni Busi, presidente del Consorzio Vino Chianti – vogliamo aumentare in modo significativo le vendite dei nostri vini in un periodo dell’anno erroneamente considerato sfavorevole alla degustazione e consumo dei ‘rossi’. L’obiettivo è quello di raddoppiare le vendite nei prossimi 3 anni favorendo un consumo consapevole. Come Consorzio abbiamo il dovere sociale di stimolare il mercato attraverso iniziative di questa portata sostenendo così i nostri soci e le imprese in un’ottica di maggior attenzione verso il giusto consumo.”

 

Il Consorzio del Vino Chianti conta oltre 3.600 produttori, oltre 15.500 ettari di vigneto distribuiti fra Arezzo, Firenze, Pisa, Pistoia, Prato e Siena.

Share