La Rsa ‘Villa San Lorenzo’ di Seravezza (Lucca) gestita da cooperativa sociale Elleuno è tornata ad essere ‘Covid Free’: tutti gli ospiti e gli operatori della struttura risultati positivi al Covid-19 sono risultati negativi al doppio tampone, quindi dichiarati guariti.

Permane il rammarico e il dolore per le 2 persone decedute e la fatica per l’immane lavoro di cura e organizzativo svolto per raggiungere questo risultato.

Nei confronti degli ospiti della struttura (57 al momento dell’inizio della situazione di emergenza) sono stati compiuti complessivamente 264 tamponi (200 agli ospiti e 64 agli operatori) e 74 test sierologici (37 agli operatori e 37 agli ospiti).

Durante questo periodo nella struttura vi sono state visite del gruppo Multidisciplinare dell’ASL e sopralluoghi dell’Ufficio Igiene Pubblica e Nutrizione (IPN) e del servizio Prevenzione Igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro (PISLL) che non hanno riscontrato problematiche organizzative e di gestione della situazione.

Inoltre l’Unità di Crisi (USCA) ha eseguito 8 accessi visitando 16 pazienti e ha mantenuto contatti quotidiani con il personale infermieristico della struttura referente per l’emergenza. Il Team COVID della ASL è venuto a visitare gli ospiti e ha effettuato ecografia polmonare a 15 di loro.  La cooperativa ha chiesto recentemente al Direttore di Zona la possibilità di ricevere presto una nuova visita del Team COVID per visitare nuovamente alcuni anziani e per compiere l’ecografia polmonare a tutti gli altri negativizzati.

Tutto ciò a riprova dello stretto coordinamento e sinergia tra la struttura e l’Azienda USL Toscana Nord-Ovest zona Distretto Versilia e tutti gli organi preposti cui venivano e vengono inviati quotidianamente aggiornamenti con il quadro della situazione.

L’attività svolta dal coordinamento, la proattività per tutta la gestione del periodo di emergenza, che ha portato alla gestione diretta dell’esecuzione dei tamponi e l’avere a supporto degli uffici tecnici della cooperativa che hanno saputo essere propositivi e presenti per la gestione di tutte le fasi, hanno portato al risultato di oggi: un grazie di cuore a tutti coloro che si sono spesi con professionalità e caparbietà.

Restano da gestire i problemi sanitari e le fasi di convalescenza per i soggetti più fragili: operatori e coordinamento non si fermeranno ora perché si tratta di un risultato importante, ma da preservare.

Share