Viareggio – favoreggiamento della prostituzione

A seguito di sviluppi investigativi relativi all’operazione del 3 aprile u.s., che
ha portato alla chiusura di nove centri massaggi cinesi a Viareggio, sono stati
conseguiti i seguenti sviluppi investigati: i titolari di due centri massaggi sono
stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di favoreggiamento
della prostituzione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
In particolare, a seguito di approfondimenti d’indagine è emerso che in uno
dei suddetti centri si svolgeva attività di prostituzione. Durante i controlli,
infatti, è stato trovato un cliente all’interno di una delle stanze del centro
adibita per i massaggi, il quale ha riferito di aver pattuito con la titolare
dell’attività una prestazione sessuale; prestazione interrotta solo grazie
all’arrivo del personale di polizia. All’interno del centro, inoltre, sono stati
rinvenuti alcuni profilattici usati ed altri ancora sigillati e occultati in uno dei
mobili. Per tali motivi la titolare del suddetto centro massaggi è stata
denunciata per il reato di favoreggiamento della prostituzione.
In un altro centro massaggi, invece, il personale di polizia ha trovato una
dipendente di nazionalità cinese che, a seguito di accertamenti da parte
dell’Ufficio Immigrazione del Commissariato, è risultata essere clandestina
sul territorio nazionale. Per tali motivi la titolare del centro massaggi è stata
denunciata per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
Sono in corso ulteriori indagini.

Share