VAGLI – IL GIP NON CONVALIDA IL SEQUESTRO E RESTITUISCE I BENI PIGNORATI ANCHE ALLA DITTA ROMEI.
RIcostruzione dei fatti:
La realizzazione del parco avventura è stata eseguita nei tempi delle procedure di legge.
Sappiate che i 2 denuncianti …da anni hanno contenziosi legali con il Comune di Vagli Sotto e ci meravigliamo che in toto siano stati creduti!
Bastava un primo filtro e subito si sarebbero resi conto dei personaggi di questa inchiesta!!! POICHÉ TUTTI HANNO CONTENZIOSI CON IL COMUNE IN TRIBUNALE DA ANNI CON CAUSE GIÀ INIZIATE E DOVE IL COMUNE GLI HA CHIESTO MILIONI DI EURO DI RISARCIMENTO DANNI!!!
Fiduciosi nel lavoro professionale della magistratura che cassera’ questo film e si riavvolgerà come una pellicola.
Ovviamente saranno portati al risarcimento dei danni presso il tribunale anche per queste denuncie compreso i danni subiti e subendi, lo stop prodotto da questi 2 denunciatori al servizio al pubblico dello stesso parco avventura e della piscina comunale.

 

 

 

 

 

 


RITORNANDO alla descrizione dei fatti per la realizzazione del parco così stanno le cose.
Entro il termine prestabilito l’ unica ditta partecipante risultava la Romei,
con ribasso sull’importo a base di gara.
Totalmente infondate le dichiarazioni dei 2 NOTI denunciatori , con l’aggravante di asserire che l lavori in pratica erano addirittura terminati al momento della consegna il 10/05/2018.
Falso!!! POICHÉ il 17/05/2018 fotografie ufficiali degli enti preposti , dimostrano che era ancora da fare il 80% del parco e non come detto dai 2 SOLITI NOTI che era terminato e al contrario non come dicono loro in zona agricola, ma dentro un piano approvato particolareggiato per la valorizzazione delle sponde del lago, approvato con conferenze dei servizi dalla Regione Toscana con l’autorizzazione sismica e la Sovrintendenza competente..

FATTI, NON PAROLE 🗣🗣🗣

MARIO PUGLIA

Share