Una firma per abrogare la legge Merlin del 1958, che vide come prima firmataria la senatrice socialista Lina Merlin. Con l’entrata in vigore di questa legge furono messi i sigilli a tutte le case di tolleranza e venne abolita la regolamentazione della prostituzione in Italia, introducendo una serie di reati mirati a contrastare lo sfruttamento della prostituzione. La chiusura delle case di tolleranza aumentò a dismisura la presenza della prostituzione in strada, con relativo aumento esponenziale di malattie veneree.

INDRO MONTANELLI … in Italia un colpo di piccone alle case chiuse fa crollare l’intero edificio, basato su tre fondamentali puntelli, la Fede cattolica, la Patria e la Famiglia. Perché era nei cosiddetti postriboli che queste tre istituzioni trovavano la più sicura garanzia…

In Italia agiscono circa 70 mila prostitute con un  giro d’affari annuo stimato intorno ai cinque miliardi di euro: nove milioni circa i clienti.

Si può firmare in tutti i Comuni andando all’ anagrafe con un documento d’ identità valido. La raccolta firme scade il 4 Luglio. Regolarizzando la professione, lo Stato incasserebbe 10 miliardi di euro ogni anno.

Share