Una nuova trasferta ad alta tensione per il Basketball Club Lucca, la sua decima partita di campionato, dovrà disputarla al Palatoscanini di Prato.

 

A questo punto del campionato la Sibe Prato, la si può collocare senza tema di smentita tra le compagini più forti della stagione, al suo attivo ha cinque vittorie, di cui due decisamente di peso, la prima contro la Virtus Siena e la seconda ottenuta una ventina di giorni fa contro la prima in classifica, quando gli Herons sul parquet del Palatoscanini hanno dovuto cedere i punti in palio ai ragazzi di coach Pinelli.

 

Due importanti vittorie ottenute in casa che non fanno altro che aumentare il coefficiente di rischio della trasferta di domenica 5 Dicembre, c’è però da evidenziare come anche il Prato sia soggetto in questo campionato a prestazioni da “montagne russe”, capace di mettere in scena partite perfette che gli permettono di surclassare con un più di dieci i primi in classifica e perdere poi di trenta con il Legnaia,

 

Nel roster della Sibe Prato ci sono ottimi giocatori, tra cui una vecchia conoscenza lucchese, Alessandro Danesi, un play di tutto rispetto che inanella una dietro l’altra, prestazioni di alto livello, l’ultima in ordine cronologico è quella con il Montevarchi dove ha messo a referto ben 20 punti: non è però l’unico a cui si dovrà prestare attenzione, nel conto è obbligatorio inserire Magni, ma anche il capitano storico Staino e altri elementi con il polso ben allenato.

 

Per il Bcl sarà davvero una trasferta difficile, la settimana di allenamenti non è stata tra le migliori fatte, a pregiudicarne il buon esito hanno concorso alcuni risentimenti lamentati da qualche giocatore, l’assenza di Benini per un semplice malessere di stagione e il tempo occorso per metabolizzare la sconfitta subita con Quarrata.

 

Tonfoni, coach positivo per natura e che guarda sempre avanti dice di avere buone sensazioni per la partita con Prato “ Prato è una buona squadra, come e non lo abbiamo mai nascosto, lo siamo anche noi.

Sarà sicuramente una partita da giocare a viso aperto e senza alcun timore, sempre che e questo è ormai il nostro tormentone, saremo in grado di sfoderare una prestazione difensiva migliore rispetto anche all’ultima uscita.

Abbiamo bisogno di essere molto motivati e concentrati in difesa, ma lo dovremmo essere per forza perché sappiamo e ne abbiamo avuto la consapevolezza che per vincere le partite bisogna abbassare la media dei canestri subiti.

Quindi attenzione difensiva sull’uno contro uno e grande attenzione sulle collaborazioni, questo ci permetterà di fare attacchi ancora più fluidi di quelli che abitualmente riusciamo a produrre.”

 

Tra le caratteristiche del coach si annoverare quella di non cercare scuse o usare momenti un po’ più complicati per nascondersi.

 

“Abbiamo un infermeria così e cosi, qualche problemino ci sono, Barsanti si porta dietro un risentimento alla schiena da tempo, Benini è alle prese con un influenza di stagione, nulla di serio, ma se recuperabile per la partita non potremmo usarlo a pieno.

Il nostro staff medico è molto attento e presente nel sostenere ed intervenire sui ragazzi, ma di fatto è un mese che non riusciamo ad essere al 100% in allenamento e in partita, con questo non vogliamo cercare scuse, la cosa fa parte del gioco, noi dobbiamo solo ricordarci che siamo una squadra attrezzata per sopperire anche alle avversità”

 

Positività, grinta e tanta voglia di far bene, con queste premesse, coach Tonfoni e i suoi ragazzi domenica 5 dicembre alle ore 18:00, scenderanno sul parquet dei dragoni di Prato in cerca di una affermazioni che li rilanci per il proseguo del campionato.

 

Share