Una mostra per i 40 anni di attività dell’artista pesciatino Franco Del Sarto 

 

Pescia, Palagio 15 Novembre 2019- 30 Gennaio 2020 

 

Il quarantennale di attività creativa di un artista come Franco Del Sarto non può certo rimanere inosservato; il comune di Pescia, infatti ha promosso una mostra e un catalogo antologico per celebrare questa ricorrenza, che è stata presentata nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nel palazzo comunale, alla presenza del sindaco Oreste Giurlani, del vicesindaco e assessore alla cultura Guja Guidi, dello stesso artista e del curatore del catalogo Paolo Vitali.

 

La mostra, si aprirà il 15 novembre (alle ore 17) al Palagio di Pescia e terminerà il 30 gennaio 2020. Accompagna l’esposizione il catalogo in cui sono raccolte le opere presenti, il libro è edito da Benedetti di Pescia.

 

Il pesciatino Franco Del Sarto, classe 1952, ha tracciato, con le sue opere, una ormai infinita storia visiva della città e dei suoi abitanti. In mostra, al Palagio, 53 opere divise in 6 sezioni, che illustrano con straordinaria efficacia, il curriculum artistico di questo riservato pittore. Dalle visioni paesaggistiche che narrano gli incantati scorci della Valdinievole, alla parte dedicata alle nature morte, ai commoventi ritratti, ai suggestivi autoritratti con l’artista che sembra sfidarsi difronte al supporto visivo, fino ad arrivare alla sezione dedicata alle incisioni che davvero hanno accompagnato la storia degli ultimi quarant’anni di questa terra. E’ da ricordare che la maggior parte delle opere esposte sono state prestate dai collezionisti che con generosità senza pari hanno voluto partecipare all’evento facendo vedere nuovamente, in via del tutto eccezionale, le opere del passato.

 

Guja Guidi ne ha tracciato il profilo  :”Un volontario della Misericordia ,una persona disposta a donare il suo tempo per gli altri ,che ringrazia per quanto riceve incontrando l’altro da sé sofferente: basterebbe questo per dire di lui che è una persona da ammirare e prendere da esempio, come tutti quelli che donano qualcosa agli altri .

 

Franco Del Sarto riesce ad essere generoso anche attraverso la sua arte  ,da sempre ha amato la pittura e da  tanti anni ,quaranta almeno ,affida a acqueforti, litografie e serigrafie il frutto della sua perizia artistica .Quando si legge di lui si dice che la sua arte è realismo filtrato attraverso l’opera di Pietro Annigoni, ma non basta egli è un artista della luce ,della natura silenziosa ,dei colori magici,è il pittore dei tanti angoli della nostra città . Persona discreta e schiva ha esposto a Bruxelles con altri artisti italiani per rappresentare,in quella sede prestigiosa, i percorsi dell’Europa più nascosta ,meno nota sì ma non per questo meno ricca di percorsi storici e artistici di grande valore.

 

Egli custodisce l’arte dell’affresco, una tecnica che ,anche se utilizzata in epoche lontane, continua ancora oggi ad affascinare e lui ne ha dato prova in moltissime opere che troviamo in Pescia e in luoghi della Garfagnana quali Gorfigliano e Gramolazzo. Nel  lungo periodo di preparazione di  questa mostra ,che da questo mese di novembre si protrarrà fino a gennaio, ho parlato a lungo con il Maestro e gli ho chiesto di incontrare i giovani delle scuole per avvicinarli proprio dell’arte dell’affresco  .Grazie alla sua grande disponibilità sarà possibile fare con lui un laboratorio e un percorso nella città alla scoperta delle sue opere ;avremo una mostra al Palagio ,dove sono custodite le opere di Libero Andreotti,che si fa itinerario artistico :staticità e movimento con l’arte ,un auspicio per questa città che è città d’arte e città dell’infanzia ,una città ricca di persone che hanno voglia di fare onorandola con le proprie doti come  l’artista  Stefano Del Sarto, che sinceramente ringraziamo per la sua opera”.

Share