Una giornata di studio sulla Contessa di Castiglione

Una donna libera, moderna, un’autentica “influencer” dell’800: Virginia Oldoini, Contessa di Castiglione e la villa di Pietrasanta nella quale visse con il nonno materno, Ranieri Lamporecchi, saranno al centro della giornata di studio in programma domani, sabato 28 maggio, presso la Casa Diocesana La Rocca a partire dalle 17. Per raccontare una delle dimore storiche, villa Lamporecchi-Rigacci, appunto, abitate da quella che, all’epoca, era considerata la donna più bella d’Europa: “Dietro ogni angolo di Pietrasanta – ha commentato il sindaco Alberto Stefano Giovannetti, che parteciperà all’incontro insieme al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, al direttore di ‘Versilia Storica’ Luigi Santini e ad Adriana Beverini, autrice del libro “La Rapallina, ambasciatrice di gusto e bellezza” – c’è una storia da scoprire che tocca personaggi-chiave della storia non solo italiana, ma anche internazionale”.

La Contessa di Castiglione è uno di questi, inviata dal cugino acquisito, il Conte di Cavour, a Parigi per “convincere” Napoleone III ad appoggiare l’Italia contro l’Austria e della quale, ancora oggi, il Metropolitan Museum of Art di New York conserva alcuni dei celebri “tableaux vivants”, le moderne fotografie che Virginia commissionò per creare, letteralmente, la propria immagine.

In occasione di questa giornata, coordinata da Melania Spampinato, saranno esposti anche alcuni degli oggetti appartenuti alla Contessa e le sue lettere originali, contenute nel libro di Beverini e che sono testimonianza diretta della storia dell’epoca. Fra gli episodi legati alla villa che saranno ricordati, anche la scoperta del pozzo profondo 14 metri e dal diametro di circa 150 centimetri nel quale la piccola Virginia rischiò di cadere, quando aveva appena 3 anni.

L’incontro è organizzato dall’Istituto Storico Lucchese – Sezione Versilia Storica in collaborazione con Fidapa Versilia e l’associazione culturale Percorsi e con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Pietrasanta. I posti sono limitati, disponibili liberamente fino ad esaurimento e nel rispetto delle normative anti covid vigenti. Informazioni: versiliahistorica@gmail.com.

 

Share