Mettiamoci nei panni di quegli italiani che vengono “schiaffeggiati” tutti i giorni da una politica che gli preclude la possibilità di un “vivere dignitoso” (vedi: sanità, lavoro, istruzione, ambiente…) diritti negati ovunque con arroganza a sfregio della sovranità popolare. Dopo 30 anni di questa solfa le minoranze inascoltate e bistrattate sono diventate maggioranze che hanno perso COSCIENZA sociale e civile …..da qui il dato progressivo dell’astensione o il voto incoerente per protesta, sperando che cambi qualcosa. Chi RESISTE, non si ARRENDE all’infausto sistema e sente il DOVERE di andare a votare, conserva uno slancio e una consapevolezza ormai datati anagraficamente, NOI non molliamo, ok….ma come si recupera un 60% di cittadini sfiduciati, indifferenti, disillusi e ampiamente incazzati? La “Sinistra” ormai è solo una “parola” con la quale certi loschi figuri politici si sollazzano. In realtà i valori di Sinistra non sono più “praticati” perchè chi dovrebbe ricostruirne il percorso, ambisce solo a postazioni di potere personale. Sono anni che si parla di processi unitari della Sinistra….ormai è una barzelletta abbastanza sconcia!!
(Cinzia Cerè) DALLA SUA PAGINA FACEBOOK

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Share