Un Pericolo chiamato “Via del Brennero”. Adesso Basta!

Sono Mirko Mugnani, fruitore quotidiano delle strade lucchesi. Questo mio scritto, una sorta di lettera aperta, vuol parlare del Brennero; una delle strade più pericolose della lucchesia. E’ di ieri la notizia di un incidente morale, l’ennesimo.

 

E la mia è una considerazione legata alla pericolosità di questa arteria stradale, una delle principali della provincia. La sua rischiosità aumenta all’ennesima potenza quando tira vento. Cadono, ogni qualvolta il tempo è avverso, rami e rami con pericoli tangibili di caduta “detriti” su auto e moto (facendo rischiare la vita a tutti i soggetti che passano in quel momento). E’ una situazione vista e rivista, che dura da anni.

 

Questa strada ha portato ad innumerevoli vittime e famiglie piangono tutt’oggi. La mia domanda è: Quanti morti dobbiamo ancora attendere affinché cambi qualcosa? L’illuminazione è scarsa e gli innumerevoli alberi presenti sono pericolosi e instabili.

 

Ci saranno altre vittime negli anni, questo è certo. L’unica soluzione è che le istituzioni prendano in mano la situazione. Dobbiamo risolvere la questione, al più presto. Non è possibile continuare a tacere. Chiedo quindi una risposta concreta da parte delle amministrazioni pubbliche di competenza, affinché tutto sia risolto. Rischiare la vita ogni giorno, non è accettabile. E non è ammissibile.

 

Mirko Mugnani

Share