Un nuova grande depressione è in arrivo: 10 campanelli d’allarme

I 10 elementi che causeranno presto una nuova, drammatica grande depressione. Parola a colui che ha predetto la crisi del 2008

Un nuova grande depressione è in arrivo: 10 campanelli d'allarme

Un nuova grande depressione potrebbe presto coinvolgere l’intera economia mondiale.

A dirlo Nouriel Roubini, professore universitario ed economista di fama mondiale che riuscì a prevedere la crisi del 2008, nel corso di un’intervista rilasciata a Bloomberg.

L’esperto non ha ancora voluto escludere la possibilità di un recupero a U quest’anno, eppure a sua detta, verso la fine del secolo ci sarà una nuova grande depressione con forma a L (crollo senza rimbalzo) che riguarderà il mondo intero.

Grande depressione in arrivo: 10 rischi da non sottovalutare

A causa dell’emergenza COVID-19 sia le famiglie che le imprese ridurranno sempre più le spese e tenderanno a risparmiare, cosa che porterà al tracollo degli investimenti.

“Questa è la ricetta per un recupero anemico, sia negli USA, che in Canada che nell’intera economia globale.”

Durante l’intervista, all’uomo è stato chiesto un parere sulle azioni da intraprendere per evitare lo scoppio di una recessione, ma la sua risposta non ha lasciato spazio a dubbio alcuno:

“Purtroppo temo che ci siano dei grandi trend…quelle che chiamo le 10 D mortali che ci condurranno a una letale recessione verso la fine del secolo. Non è questione di se, ma di quando arriverà. ”

Ma quali sono i 10 rischi che, a detta dell’esperto, ci condurranno verso questo funesto futuro?

1. Debito crescente

A causa del coronavirus i governi di tutto il mondo sono stati costretti a introdurre imponenti programmi di sostegno economico che hanno inevitabilmente ingigantito i debiti nazionali.

2. Demografia

Lo sviluppo demografico, secondo l’esperto, dovrebbe essere un altro motivo di preoccupazione. Il coronavirus ha fatto emergere la necessità di spendere di più per il settore sanitario, ma molti dei Paesi colpiti dell’emergenza hanno società che invecchiano, per cui maggiori investimenti in tal senso continuerebbero a far salire il debito.

3. Deflazione

Anche i rischi di crollo dei prezzi, e di conseguente deflazione, potrebbero risultare particolarmente gravosi per l’economia mondiale.

4. Devalutazione

Nonostante l’intervento delle grandi banche centrali, l’economista si è detto preoccupato anche a causa dei rischi di deprezzamento valutario.

5. Globalizzazione

Durante il coronavirus il mondo intero si è reso conto dei rischi derivanti da economie fortemente interconnesse. Questo, secondo l’esperto, potrebbe portare i Paesi a spingere più sulle forniture domestiche cosa che si tradurrebbe in crescenti pressioni sui salari.

6. Frammentazione

Per Roubini, l’emergenza COVID-19 accelererà la tendenza alla frammentazione del mondo già esistente (si pensi soltanto alle relazioni USA-Cina). Molti governi potrebbero iniziare ad introdurre misure protezionistiche per proteggere le proprie aziende.

7. Populismo

La crisi potrebbe dare nuova linfa a populismo, nazionalismo e xenofobia visto che in tempi di difficoltà economiche in genere lo straniero viene additato come responsabile.

8. Guerra commerciale

L’escalation della tensione fra gli Stati Uniti e la Cina continuerà a pesare su un contesto globale già complicato.

9. Nuova guerra fredda

Per l’esperto, le tensioni politiche potrebbero portare addirittura a una nuova guerra fredda tra gli USA e i suoi avversari (Cina, Russia, Iran e Corea del Nord).

10. Cambiamento climatico

Anche il clima giocherà un ruolo di rilievo nella prossima grande depressione. Problemi quali le epidemie e il cambiamento climatico cresceranno e si intensificheranno, cosa che inevitabilmente accrescerà i costi e impatterà le economie.

Share