Un dicembre di musica, teatro e spettacoli per famiglie – Dal 3 al 27 dicembre, sette appuntamenti per l’auditorium Da Massa Carrara

 

Un caleidoscopio di appuntamenti accompagnerà il mese di dicembre all’auditorium Vincenzo Da Massa Carrara di Porcari. Torna il teatro, torna la musica e torna la voglia di fare spettacolo dopo le difficoltà che pubblico e artisti hanno vissuto nei momenti più complessi dell’emergenza coronavirus.

Fil rouge del programma, come ogni ultimo mese dell’anno che si rispetti, sarà il Natale, declinato secondo le diverse sfaccettature che questa festività esprime: spirito di solidarietà, tempo da vivere in famiglia, gioco e stupore.

Sette le date da cerchiare sul calendario da domani (3 dicembre) fino al 27 dicembre per non perdere nemmeno uno degli spettacoli proposti dalla sinergia tra l’amministrazione comunale, l’associazione Porcari Attiva, la Fita (federazione italiana teatro amatoriale) di Lucca e Coro Arcobaleno Aps.

“Questo periodo dell’anno – commenta l’assessora alla cultura, Roberta Menchetti – per molti rappresenta anche un’occasione per rallentare, per leggere quel libro rimasto per troppo tempo sul comodino e, perché no, per dare spazio a un certo bisogno di evasione. Dicembre è un mese fertile per seminare cultura e curiosità: a Porcari abbiamo un ottimo contenitore, il nostro auditorium, ma soprattutto abbiamo contenuti di qualità da proporre per condividere queste settimane. Ringrazio le associazioni che si sono rimboccate le maniche per organizzare questo palinsesto, così vario ed equilibrato, e invito tutti a regalarsi qualche ora di spettacolo dopo i lunghi mesi vissuti senza questa possibilità”.

Aggiunge il sindaco, Leonardo Fornaciari: “Volevamo tornare agli spettacoli in presenza, con capienza al cento per cento, in grande stile. E crediamo di esserci riusciti: basta scorrere i titoli del programma di questo dicembre per rendersi conto che sul piatto ci sono sapori per ogni palato. Come ogni anno, e mi fa piacere sottolinearlo, non ci siamo dimenticati dei nostri bambini e delle nostre bambine: sono ben tre gli appuntamenti pensati per coinvolgere le famiglie. Ci auguriamo una buona partecipazione da parte dei porcaresi e dei cittadini dei territori vicini. Anticipo che stiamo lavorando a una bella sorpresa per iniziare al meglio l’anno nuovo”.

Si parte domani (3 dicembre) alle 21 con un evento pensato dagli organizzatori del concorso canoro Porcari’s Young Stars per celebrare la Giornata internazionale delle persone con disabilità. La serata, condotta da Simone Tomei, si intitola Siamo disabili, ma abbiamo anche dei difetti e vedrà la presenza di Enrico Maria Fantaguzzi, presidente di Link@ut, di Danila Aloisi del gruppo Autismo è, di Stefano Dell’Orfanello di Lasa Onlus e dei docenti del gruppo inclusione dell’Isiss della Piana di Lucca. La cantante Veronica Di Nocera porterà sul palco la trascinante voglia di dare voce a chi non ne ha e il gruppo Autistici che vogliono lamentarsi si dedicherà, con grande autoironia, a sfatare stereotipi e preconcetti sull’autismo. Guest star della serata, patrocinata dal Comune di Porcari e da Vorreiprendereiltreno, sarà il consigliere regionale e giornalista Iacopo Melio, che saluterà in videocall il pubblico in sala. Presente, grazie alla collaborazione di Casa Alfa Aps, anche un interprete Lis.

Domenica (5 dicembre) alle 17 sarà la volta di Rocambolesco, uno spettacolo dal sapore un po’ retrò tra circo e magia di Alessandro Frediani de I Chicchi d’Uva. Adatto a bambini e famiglie, l’evento fonde tecniche circensi, illusioni e comicità per dar vita a una esibizione che coinvolgerà il pubblico fin dall’entrata in scena in monociclo. E poi palline, clave, giocoleria e un gran finale che parla di evasione e libertà.

Venerdì 10 dicembre alle 21 l’appuntamento sarà con la prosa. In scena la Compagnia Teatro Studio con un testo di Éric-Emmanuel Schmitt, Variazioni enigmatiche, per la regia di Roberto Birindelli. Un incontro-scontro di altissimo livello sentimentale e filosofico tra due uomini legati indissolubilmente alla figura di una donna, la vera protagonista della vicenda, che aleggia su tutto e su tutti, dall’inizio alla fine. Lo spettatore viene così condotto nelle viscere di un testo, per capire le dinamiche interne e il carattere dei personaggi. È puro intreccio psicologico, è crollo di certezze o di riscoperte di nuove posizioni, di svelamenti di personalità, di caratteri, in un turbinio di parole, dette, accennate o solamente pensate.

Domenica 12 dicembre alle 16,30 spazio alle famiglie con l’associazione culturale ItinerArte che porterà sul palco di Porcari Storia di un burattino… in musica e parole, per la regia di Paolo Bonanni. La narrazione scenica della storia di Pinocchio che vedrà un allestimento con sette musicisti, due cantanti e ben venti personaggi per raccontare questo classico della letteratura mondiale scritto proprio in Toscana. Uno spettacolo originale e unico in Italia.

Venerdì 17 dicembre alle 21 sarà la volta del nuovo show del comico romano Dado, noto al grande pubblico per la trasmissione Zelig Circus. Si intitola Grande, grosso e vaccinato questo nuovo lavoro di satira di costume, che porta Dado a osservare il periodo storico presente e a metterne in risalto i lati più paradossali, come ad esempio l’impreparazione digitale di intere generazioni che ancora non sanno pronunciare ‘smart working’. In scena con la sua assistente vocale Carlotta, tra canzoncine e monologhi, Dado racconterà dal suo punto di vista, il passato, il presente e il futuro di un uomo pronto a tutto per avere la sua libertà, anche a infrangere le regole.

La domenica prima di Natale, il 19 dicembre alle 21, si esibirà all’auditorium il Coro Arcobaleno diretto da Cristina Torselli con lo spettacolo È Natale, è l’amore. Piccoli cantanti dai 5 ai 16 anni di età che, con la consueta spontaneità, condivideranno con il pubblico il calore delle più belle canzoni natalizie.

Infine lunedì 27 dicembre alle 17,30 Experia e Sorgented’Arte porteranno in scena Il Natale ritrovato, uno spettacolo per bambini e ragazzi liberamente ispirato al racconto Ce n’è troppo di Natale di Dino Buzzati. I protagonisti di questa storia onirica e fiabesca sono il bue e l’asinello che, secondo la tradizione, oltre duemila anni fa scaldarono Gesù appena nato.

Gli appuntamenti del 3, 19 e 27 dicembre sono a ingresso libero. Per gli altri spettacoli è previsto un biglietto di ingresso al costo intero di 8 euro e ridotto di 6 euro per persone fino a 14 anni di età e over 65. Per informazioni e prenotazioni si può inviare una email a fitalucca@gmail.com o si possono contattare Rita al numero 320.6320032 o Donatella al numero 339.1513338. L’ingresso è consentito nel rispetto delle misure e cautele previste a tutela della salute pubblica.

Share