Gli alci si distinguono per essere estremamente grandi mammiferi di grandi dimensioni che godono la vita viaggiando attraverso i fiumi freddi in cerca di animali selvatici da nutrire . Tuttavia, come con altri animali, sono stati vittime di una crudele caccia da parte degli umani, così che la loro popolazione è scesa a livelli allarmanti.

A causa dell’attuale scarsa popolazione di alci, trovare uno di questi magnifici mammiferi è davvero qualcosa di speciale e irripetibile. Tuttavia, recentemente alcuni turisti spietati e imprudenti hanno costretto un alce a rimanere nel lago Champlain nel Vermont , facendolo morire annegato e nei social è esplosa tanta rabbia .

Tutto iniziò quando i turisti ebbero la fortuna di vedere un grosso alce che attraversava l’emblematico lago. Tutto sembrava indicare che sarebbe stato un pomeriggio indimenticabile, ma quando l’alce arrivò sulla riva del lago fu accolto da un numero infinito di telecamere che lo spaventarono e dovette entrare di nuovo nell’acqua .

L’alce era completamente esausto perché aveva nuotato per ore da New York . Così cercò disperatamente vie alternative fuori dal luogo che lo avrebbero liberato dai turisti disturbati, ma non riuscì a prenderlo e cominciò a svenire per la fatica nel lago.

I ranger del Vermont andarono immediatamente sul luogo, ma la folla frenetica di turisti impedì loro di aiutare il povero mammifero.

“A quel tempo, l’alce stava lottando per rimanere in vita. Stavamo aspettando una barca andare dalui e aiutarlo, ma l’animale è annegato prima. Era estremamente difficile raggiungerlo, c’erano grandi ondate di due metri e vento forte “, ha detto Robert Currier, la forestale del Dipartimento di Fish and Wildlife del Vermont.

Dopo questo evento triste, i ranger raccomandano ai turisti di stare a una distanza considerevole per non spaventarli.

“Condividi la fauna selvatica con tutti gli utenti. Osservatori di uccelli, cacciatori, fotografi e pescatori possono cercare la fauna selvatica negli stessi orari e luoghi. Evitare l’agglomerazione con altri utenti. Dà anche alla fauna selvaggia un piccolo spazio, molte aree sono ad accesso limitato a beneficio di specie di fauna delicata e devono essere rispettate in ogni momento “, ha detto il Dipartimento di Fauna Selvatica.

Alcune persone coinvolte nella questione si sono difese sostenendo che l’area in cui l’alce è morto è piuttosto caotica e che non è responsabilità dei turisti.

“Hanno fatto credere che fosse la responsabilità della grande moltitudine di persone. Non è così, questa è una zona di traffico pesante in South Hero. Questa è sempre una zona molto caotica e trafficata “, ha detto Bernadette Toth, una turista che era sulla scena del crimine con sua figlia.

Nonostante tutto, le guardie forestali sono rimaste ferme e insistono perché i turisti stiano lontano dagli animali, specialmente dall’alce, perché a volte possono reagire violentemente e attaccare.

“”L‘alce ha due modi per rispondere alle minacce: abbandonare l’area o diventare aggressiva. Nel caso in cui l’animale diventi aggressivo, consiglio al pubblico di stare lontano dall’animale, di dare molto spazio e di informare il Dipartimento di pesci e animali selvatici “, ha detto Robert Currier.

Questo evento fatale mostra quanto i turisti possano essere pericolosi per gli animali. Speriamo che le persone possano diventare consapevoli e imparare a comportarsi in modo rispettoso con la natura, per evitare conseguenze così deplorevoli.

Condividi questa storia sconvolgente con tutti i tuoi amici e ricorda che gli animali sono esseri viventi e non solo attrazioni turistiche!

fonte: tuttoperglianimali.com

Share