Storia di Lucca – Seconda puntata

All’inizio del 1002 passò a migliore vita l’imperatore Ottone III di Sassonia e per l’Italia fu l’iniziò di un periodo caratterizzato da conflitti tra città rivali. Non a caso il primo scontro tra Lucca e Pisa risale a quei tempi. I lucchesi infatti guardavano con preoccupazione il notevole successo dei pisani nel commercio, che avrebbe inevitabilmente comportato un maggiore potere politico a favore di Pisa.

Causa del contendere fu l’intenzione dei pisani di “trarre vettovaglia dalla Versilia, parte marittima del lucchese, per farne poi vantaggioso mercato con i barbari della Corsica e della Sardegna” (Antonio Mazzarosa, Storia di Lucca).

Nel 1004 pisani e lucchesi si scontrarono prima ad Acqualonga e successivamente a Ripafratta.

Traendo profitto i Lucchesi dall’assenza di gran parte degli uomini di Pisa, che, saliti sulle navi, guerreggiavan allora prosperamente contra i Saraceni invasori della Sardegna, penetrarono nel contado pisano, il misero a sacco, e ne disertarono villaggi e terre. A quest’ annunzio tornaron prestamente i vincitori degl’infedeli, e vendicaronsi del sofferto danno col romper le bande degli aggressori lucchesi nel sito denominato Acqualunga. Indi le costrinsero di bel nuovo a fuggire sino a Ripafratta…(Girolamo Tommasi, Sommario della storia di Lucca).

Tra le due città iniziò un lungo periodo di lotta che si inasprì sempre più. Nel 1055 lo stesso imperatore Enrico III di Franconia, dopo un nuovo scontro tra Pisa e Lucca, ritenne opportuno intervenire. L’imperatore dette incarico a Geberardo, vescovo di Ratisbona e legato imperiale in Toscana, di pacificare le due città rivali.

Nel 1026 venne incoronato re d’Italia Corrado II il Salico, che diventòimperatore l’anno successivo. Per sua volontà acquistò la dignità di duca di Lucca il ricco e potente feudatario lombardo Bonifazio.

Rimasto vedovo nel 1036, Bonifazio si unì in seconde nozze con Beatrice,  figlia di Federico duca della Lorena superiore e di Matilde, figlia del duca di Svevia. Il matrimonio venne allietato nel 1046 dalla nascita di una figlia, che prese il nome di Matilde.

Nel 1052 Bonifazio morì, probabilmente per una freccia avvelenata scagliata da banditi nel corso di una imboscata tesagli tra Mantova e Cremona. Oltre a Matilde, Bonifazio lasciò i figli Federico e Beatrice, anche loro in tenera età.

Goffredo duca di Lorena non si lasciò sfuggire l’occasione per mettere le mani su un vasto dominio e senza indugi sposò Beatrice, vedova di Bonifazio.

Come già detto, nel 1055 in località Vaccoli ci fu un nuovo scontro tra Pisa e Lucca, documentato negli Annali Pisani: “fuit bellum inter Pisanos et Lucenses ad Vaccule. Pisani vero gratia Dei vicerunt illos”.

Tornata la pace, Goffredo e Beatrice dettero prova di sapere amministrare con equità e lungimiranza le terre toscane. L’influenza politica del duca Goffredo viene testimoniata dall’ascesa al soglio pontificio di Anselmo.

Vescovo di Lucca, Anselmo diventò papa con il nome di Alessandro II anche grazie all’appoggio di Goffredo.

Nel frattempo i rapporti tra l’impero e il papato diventarono sempre più tesi. Oltre ad opporsi alla nomina da parte di Enrico IV del nuovo vescovo di Milano, papa Alessandro II rifiutò il divorzio tra l’imperatore e Berta di Savoia.

Morto Goffredo nel 1070, a Beatrice e Matilde, unica figlia superstite di Bonifazio, toccò l’onere di amministrare le terre di Toscana.

Prima di morire il duca di Lucca non aveva mancato di combinare per procura il matrimonio tra suo figlio, anche lui di nome Goffredo, e Matilde che era destinata ad ereditare  un ricco principato.

Nel 1073 Ildebrando di Soana diventò papa Gregorio VII. Fermamente decisoad affermare la supremazia del papato rispetto ad ogni autorità politica, Gregorio VII si scontrò risolutamente con l’imperatore Enrico IV.

BIBLIOGRAFIA

Antonio Nicolao Cianelli, Dissertazioni sopra la storia lucchese

AA.VV. , Memorie e documenti per servire alla storia di Lucca

Francesco Inghirami, Storia della Toscana

Antonio Mazzarosa, Storia di Lucca

Emanuele Repetti, Dizionario geografico, fisico, storico della Toscana

Share