Tanti giovani per l’evento sul post-pandemia

Grande partecipazione per “E’ andato tutto bene? Riflessioni sul post-pandemia”, la giornata di discussione e confronto sugli effetti psicologi dell’emergenza sanitaria organizzata dall’Associazione di volontari per l’aiuto ai pazienti psichiatrici (Avapp) con il patrocinio del Comune di Pietrasanta che si è svolta sabato 21 maggio nella sala dell’Annunziata.

“La cosa che mi ha fatto veramente piacere – ha commentato l’assessore a eventi e manifestazioni, Francesca Bresciani – è stato vedere in platea tanti ragazzi, durante la sessione pomeridiana. I giovani sono stati i più colpiti dalla nuova ‘gestione’ di certi aspetti della nostra quotidianità che la pandemia ci ha obbligato a seguire: la loro presenza e il loro contributo è uno degli elementi da cui dobbiamo partire, per costruire il nostro post-covid”.

“E’ stata una giornata densa di contributi interessanti e con tanti punti di vista – ha raccontato Sonia Cortopassi, psichiatra, psicoterapeuta e presidente di Avapp – la pandemia ha trasformato ognuno di noi: questo periodo di isolamento forzato ha rarefatto i legami affettivi e portato a una mancanza di fiducia nel futuro, questioni che le nuove generazioni hanno sperimentato in maniera ancora più intensa. Ricostruire il senso di comunità è l’unica risposta possibile, per farlo sono necessarie politiche democratiche e inclusive, a partire dal settore sociosanitario”.

Il focus sui più giovani, la didattica a distanza e l’uso massiccio dei social sono stati alcuni degli aspetti più “indagati”, durante la conferenza: “Un ringraziamento al sindaco Alberto Stefano Giovannetti e a tutta l’amministrazione comunale per aver creduto e sostenuto, fin dall’inizio, questa iniziativa – ha concluso Sandra Da Prato, presidente della commissione consiliare scuola – e grazie alla dottoressa Cortopassi e a tutti i relatori che hanno creato un dibattito sano e aperto”. Importante, in tal senso, anche il contributo della farmacia comunale che ha garantito l’attribuzione dei crediti formativi ECM agli operatori della salute mentale.

Share