Stadio Porta Elisa: l’amministrazione riceve le modifiche progettuali e accelera i tempi per la convocazione della conferenza dei servizi

Tambellini: “Ci sono le condizioni per il riconoscimento del pubblico interesse”

L’amministrazione comunale ha ricevuto nei giorni scorsi le modifiche alla proposta progettuale per lo Stadio Porta Elisa di Lucca che era già stata analizzata e discussa con gli altri enti competenti nella conferenza dei servizi. A seguito quindi della nuova documentazione, presentata su richiesta del Comune di Lucca, sarà convocata una seduta integrativa della conferenza dei servizi per venerdì 18 marzo prossimo. Saranno così esaminati tutti i nuovi elementi e registrati i pareri degli enti presenti e degli uffici tecnici comunali per la valutazione complessiva finale. Le osservazioni raccolte accompagneranno il progetto nel passaggio successivo che sarà la presentazione al Consiglio comunale per il ‘pubblico interesse’.

“Ci sono le condizioni perché l’amministrazione possa riconoscere il pubblico interesse della proposta per il nuovo Porta Elisa – afferma il sindaco Alessandro Tambellini – Il nuovo stadio sarà realizzato secondo le regole di legge, con le prescrizioni che l’amministrazione, tramite i suoi uffici tecnici darà, nonché quelle emerse dali enti partecipanti alla conferenza. Conclusa la conferenza dei servizi la proposta sarà illustrata e discussa in Consiglio comunale che voterà il pubblico interesse, un atto che riguarda sia la parte strutturale che quella economico-finanziaria dell’opera. Dopo questo fondamentale passaggio i proponenti potranno redigere il progetto definitivo che dovrà tenere conto delle prescrizioni indicate dal Comune. Sulla base del progetto definitivo sarà indetta la conferenza dei servizi decisoria e a seguire sarà redatto l’avviso pubblico per la messa a gara e per l’individuazione del concessionario che si occuperà della realizzazione e della gestione del complesso”.

“Lo stadio Porta Elisa è un’infrastruttura importante e necessaria alla città capoluogo – affermano l’assessore ai lavori pubblici Francesco Raspini e allo sport Stefano Ragghianti – per questo l’interesse dell’amministrazione è stato concentrato a non farsi sfuggire questa preziosa occasione che consentirà, grazie all’impegno di investitori privati, la riqualificazione generale dell’immobile che rappresenta il cuore del passato e del futuro sportivo di Lucca. Lo stadio si trova in un contesto urbanistico rilevante che necessita di un progetto di alta qualità. Ringraziamo gli uffici comunali che si sono dedicati in modo tanto approfondito all’analisi della proposta di notevole complessità per dare la possibilità all’amministrazione valutare e compiere correttamente i passaggi amministrativi necessari”.

Share