Viale Cadorna: si eliminano le barriere architettoniche 

Prosegue l’impegno dell’amministrazione comunale per fare della città un luogo a misura di tutti e quindi completamente accessibile. Si muove in questa direzione l’approvazione da parte della giunta municipale del progetto definitivo dell’adeguamento delle infrastrutture poste in Viale Cadorna, e l’inserimento di un primo lotto di lavori (145.767,00 euro di cui 95 mila sono fondi di bilancio e circa 50 mila euro sono contributo regionale) nell’elenco annuale 2015 delle Opere Pubbliche  (n.79).

“L’attenzione al tema dell’accessibilità da parte della giunta Tambellini è massima – commentano l’assessore alla Sicurezza Stradale Celestino Marchini e l’assessore alla Mobilità Francesca Pierotti – L’intervento di viale Cadorna al momento è solo l’ultimo di una serie di operazioni volte a fare di Lucca una città accessibile in grado quindi di favorire le condizioni per l’aggregazione e l’inclusione. Grazie a questo progetto inoltre è possible rendere accessibili alcune fermate del trasporto pubblico locale e ciò rappresenta un traguardo raggiunto dopo mesi di lavoro e di confronto a garanzia di una mobilità che rispetta le esigenze di tutti. A tal proposito – concludono – ringraziamo tutti i soggetti che hanno portato a definire questo primo lotto di lavori”.

Con questo progetto si apre quindi la procedura per l’intervento di completamento e adeguamento dei marciapiedi esistenti alla normativa delle barriere architettoniche. I lavori su viale Cadorna sono stati ritenuti tra i prioritari in quanto rappresenta uno dei principali viali radiali al centro storico, che presenta marciapiedi dissestati e percorsi pedonali penalizzati dai passi carrabili non dotati di rampe di collegamento per diversamente abili. L’Ufficio Strade ha quindi predisposto un progetto definitivo che prevede il rifacimento di tutti i marciapiedi con l’inserimento di corsie ciclabili in asfalto natura a garanzia della totale accessibilità. All’interno del progetto inoltre è stato inserito anche l’adeguamento alla normativa sull’abbattimento delle barriere architettoniche di sei fermate bus poste lungo il tragitto delle principali linee di attraversamento ovest-est della città che servono il centro storico, la stazione ferroviaria e il nuovo presidio ospedaliero di Lucca (la scelta delle fermate da adeguare è stata concordata con la Provincia di Lucca, l’attuale gestore del trasposto pubblico di linea e con i rappresentanti delle associazioni che si occupano di disabilità). In particolare, le fermate che saranno rese accessibili sono: viale Carducci (lato nord e lato sud), viale Regina Margherita (lato nord), viale Giusti (lato sud), viale Castracani (lato nord e sud).

Con questo primo lotto di lavori è possibile sistemare quindi il lato nord del viale, in continuità con gli interventi eseguiti nell’adiacente piazzale Don Aldo Mei. Si prevede di realizzare un percorso pedonale di 1,5 metri a fianco dei fabbricati in marmette di cemento stile margherita, un percorso ciclabile di 1,5 metri monodirezionale con pavimentazione in asfalto natura e, la restante fascia sistemata a verde di circa 1 metri nella quale ricostruire i filari alberati in sostituzione dei pini, non soggetti a vincolo, i cui apparati radicali superficiali hanno causato le sconnessioni alle pavimentazione attuale. I percorsi pedonali e ciclabili saranno raccordati con i passi carrabili mediante rampe conformi alla normativa sull’abbattimento delle barriere architettoniche (rampa di pendenza max del 15% per dislivelli massimi di 15 cm e rampa di pendenza 8% per dislivelli superiori). Si prevede inoltre di adeguare e canalizzare le acque bianche, pozzetti e griglie. Riguardo alle fermate dei bus, si prevede di adeguarle con due punti di appoggio per le rampe mobili del mezzo. Tali punti devono avere spazio sufficiente a poter abbassare la rampa mobile, consentire la sosta e la manovra della carrozzella, nonché essere collegati da idonea rampa di raccordo.

 

 

 

 

Share