S

traordinario successo di pubblico, mercoledì 17 giugno a Barga, presso la Chiesa del Sacro Cuore, dove sono stati proiettati i film realizzati presso il Laboratorio di Arteterapia Multimediale del Centro di Salute Mentale della Valle del Serchio. La produzione di cortometraggi rappresenta una tecnica socio-terapeutica innovativa che è stata elaborata e messa a punto presso la ASL 2 di Lucca, grazie alla competenza e alla creatività di Carmine Parrella, psicologo ed esperto filmaker. Essa si integra, da alcuni anni,  con le altre attività socio-terapeutiche ed artistiche realizzate in Valle del Serchio, sotto la conduzione dello psichiatra Mario Betti e dei suoi collaboratori. Ricordiamo che il nostro Centro di Salute Mentale si contraddistingue per una serie di percorsi innovativi, che si incentrano sulle arti-terapie,  sull’artigianato creativo e sull’inclusione lavorativa e che sono condotti in collaborazione con alcune associazioni presenti nel territorio, fra le quali ricordiamo il “Filo d’Arianna”, “AEDO” e la Misericordia di Corsagna. Ospite di tutto riguardo della serata è stato il Sindaco Marco Bonini, il quale è intervenuto non soltanto in veste istituzionale ma anche come collaboratore e protagonista di alcuni filmati. L’assessore delegato alle politiche sociali, Lorenzo Tonini, ha spiegato l’importanza di questo tipo di iniziative che rivestono non soltanto un valore terapeutico ma anche culturale e sociale, in quanto finiscono per coinvolgere attivamente tutta la cittadinanza.  La serata è stata condotta da Carmine Parrella, il quale ha illustrato le tecniche e le metodologie  adottate. Tutte le fasi della produzione dei cortometraggi, dall’ideazione alla realizzazione, sono sviluppate attraverso un lavoro di gruppo ed è il gruppo stesso che va alla ricerca di luoghi interessanti che suggeriscano l’ambientazione delle storie. Durante la lavorazione vengono coinvolti, come protagonisti, anche gli abitanti del luogo. Ciò permette agli attori di rapportarsi in modo creativo col contesto comunitario, superando situazioni di separatezza e marginalità. Particolare interesse ha suscitato il cortometraggio intitolato “Miracolo in lavanderia”, premiato con una Menzione Speciale al Festival Internazionale “Schermi Irregolari 2015” di Bagno a Ripoli (Firenze). La trama si dispiega in un intreccio pieno di comicità e di imprevisti, affrontando, in modo scanzonato ma denso di pathos, tematiche quali la gelosia, l’inganno e le attese miracolistiche. C’era grande attesa per il film “intrecci d’amore”,  un mediometraggio di circa mezz’ora, liberamente ispirato ad “Amarcord” di Fellini, che è stato girato lungo gli scorci e nelle botteghe di Barga, con la partecipazione di numerosi cittadini e dello stesso Sindaco. I presenti hanno potuto assistere alle proprie performance o a quelle dei loro parenti, amici e concittadini. Si è trattato di una grande festa collettiva, in cui si dimostra come una comunità possa trovare momenti di gioia e realizzazione artistica, all’insegna della solidarietà e della comunanza d’intenti.

Share