Successo per il corso di primo soccorso per persone ipovedenti e non vedenti tenutosi a Pietrasanta

 

E’ stato un successo il corso di primo soccorso per persone non vedenti e ipovedenti che si è tenuto il 14, il 21 e il 28gennaio presso il centro polifunzionale di Pietrasanta.

“Sono veramente entusiasta – ha affermato Antonella Molina, una docente – perché non era affatto scontato il riscontro positivo avuto al termine del corso da  parte degli allievi, in quanto si  tratta di un progetto pilota,  primo in Italia per far sì che anche alle persone non vedenti fossero date tutte le istruzioni utili per far fronte a  situazioni critiche e casi di emergenza  oltre a fornire  indicazioni preziose sui  passi da fare per riconoscere il problema, allertare i soccorsi e gestire le chiamate con gli operatori. Noi formatori abbiamo dovuto strutturare le linee guida di  primo soccorso secondo le esigenze delle persone non vedenti e devo dire che i risultati conseguiti dai corsisti sono stati talmente soddisfacenti da stimolarci a pensare a nuovi progetti per migliorare la vita  di chi deve fronteggiare questa disabilità”. Molina ha sottolineato il fatto che il corso sia stato strutturato per quanto riguarda il modulo di BLS (Rianimazione Cardiopolmonare e Disostruzione delle Vie  Aree) seguendo le linee guida fornite dalla sezione della Misericordia di Prato insieme all’UICI dello stesso comune.

Il corso è stato organizzato dalla Misericordia di Pietrasanta, capofila del progetto in collaborazione con il comune di Pietrasanta  e le lezioni sono state tenute da alcuni formatori del Gruppo Formazione delle Misericordie della Versilia coordinati da Stefano de Seriis.

“Pensare che anche i non vedenti come me possano essere attivi  in situazioni di emergenza – ha fatto presente Susanna Checchi, promotrice dell’iniziativa, allieva del corso nonché consigliera dell’UICI Sez.Prov.le di Lucca– mi ha reso più sicura infatti  da sempre auspicavo ad un corso di questo tipo e sono veramente contenta che la mia proposta  sia diventata realtà e che ci sia la volontà di replicarla in altri luoghi. Altro motivo che mi riempie di gioia è il fatto che l’assessore al sociale Lora Santini e il dottore di Medicina Generale Daniele Taccola che ci hanno accompagnato  in questo percorso abbiano avanzato  l’ipotesi di formare gli operatori del 118  nel caso ricevano telefonate  da parte di persone non vedenti, in modo da essere preparate per poter gestire al meglio situazioni di questo tipo”.

Anche Luca Santucci, vice presidente dell’UICI sez. prov.le di Lucca e corsista ha espresso la sua soddisfazione perchè durante le lezioni sono state toccate svariate tematiche come il riconoscimento e la gestione del soccorso, la rianimazione cardiopolmonare e  disostruzione delle vie aree con prova pratica su manichino da esercitazione, l’approccio al paziente traumatizzato e gestione soccorso, tematiche veramente utili per permettere ai non vedenti non solo di partecipare attivamente ma anche di coordinare gli altri in caso di necessità.

Oltre agli allievi sopra citati hanno partecipato al corso anche Silvia Saladino, Marina Lucchesi e Teresa Fruzza.

“Sono molto soddisfatto – ha dichiarato Massimo Diodati, Presidente UICI sez. di Lucca – sia per come è stato articolato e svolto il corso sia per gli ottimi risultati che sono riusciti a conseguire i partecipanti e per questo auspico che questo progetto venga presto replicato in altri luoghi della provincia”.

Un ringraziamento da parte degli organizzatori  è stato fatto  all’ufficio sport del comune di Forte dei Marmi che ha fornito il mezzo per il trasporto dei corsisti.

Share