Successo e moltissima emozione al Teatro del Giglio
per Alice in Wonderland del Circus-Theatre Elysium di Kiev
Trenta profughi ucraini hanno assistito allo spettacolo e alcuni di loro

hanno incontrato i connazionali

Lucca, giovedì 14 aprile 2022 – A fine spettacolo, a sipario chiuso, sul palco del Teatro del
Giglio, gli artisti del Circus-Theatre Elysium di Kiev hanno incontrato alcuni connazionali
fuggiti dalla guerra e accolti dall’Arcidiocesi di Lucca: tre signore e una mamma col proprio
figlio piccolo. Momenti di commozione e foto ricordo che hanno suggellato la serata davvero
speciale che si è svolta mercoledì sera (13 aprile) al Giglio con Alice in Wonderland.
«La decisione del Teatro del Giglio di programmare Alice in Wonderland – afferma l’Avv.
Giovanni Del Carlo, amministratore unico del Giglio – è comune a moltissimi altri teatri italiani
che, con questa “cordata di solidarietà”, hanno deciso di sostenere la Compagnia di Kiev che
attualmente si trova in tournée in Europa ed è impossibilitata a rientrare in patria a causa
della guerra in corso: un sostegno concreto agli artisti che desiderano continuare a lavorare e
a mantenersi con il proprio lavoro portando in scena uno spettacolo di altissimo livello
artistico che, anche in tempi così dolorosi e bui, è capace di farci ritrovare per qualche ora un
poco di leggerezza.»

 

 

 

 

 

 

 

 

L’andata in scena di Alice in Wonderland mercoledì sera (13 aprile) ha avuto per la nostra
comunità un importante valore aggiunto: in collaborazione con l’Arcidiocesi di Lucca, il Teatro
del Giglio ha ospitato per lo spettacolo 30 profughi ucraini che da alcune settimane vivono sul
nostro territorio attraverso un programma di accoglienza coordinato dalla Caritas Diocesana.
Sparsi dalla platea alla galleria e anche in qualche palchetto, si sono inseriti assieme a tutti gli
spettatori per assistere ad uno spettacolo pieno di gioia ed entusiasmo, all’insegna del sogno e
dell’acrobazia, che ha divertito grandi e piccini.
Durante la serata alcuni volontari della Caritas hanno distribuito materiale informativo su
come aiutare l’accoglienza dei profughi ucraini chiedendo anche di continuare a donare
denaro all’Arcidiocesi tramite bonifico bancario a Banco BPM – Iban: IT41 O05034 13701
000000158569 (causale “Ucraina”). Quanto raccolto dall’inizio dell’emergenza grazie alla
solidarietà dei lucchesi supera i 50mila Euro. Questo denaro viene speso per le prime

necessità, in particolare alimentari, dei profughi in arrivo. La sera stessa alcuni spettatori
hanno voluto comunque lasciare un’offerta libera ai volontari che hanno così potuto
raccogliere 143,87 Euro subito messi a disposizione della Caritas che ringrazia per la
generosità dimostrata e invita a chiedere informazioni alla mail caritas@diocesilucca.it o
telefonando al numero 0583 430939 (da lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 17).
“Per gli ucraini presenti è stato un momento di grande sollievo e gioia, da poter condividere
nella normalità di una serata a teatro assieme a tanti lucchesi” spiegano i volontari presenti
ieri sera che, a nome dell’Arcidiocesi, dichiarano: “Non solo ringraziamo il Teatro del Giglio
per l’opportunità data ma anche perché con quanto scelto ha dimostrato come l’accoglienza,
l'integrazione e la promozione delle persone in difficoltà possa passare anche attraverso l’arte
e la condivisione della bellezza. Queste occasioni siamo certi che si verificheranno di nuovo in
futuro, magari anche grazie ad altri enti culturali del territorio.”

Share