A Marlia, nel caldo pomeriggio di sabato scorso 12 giugno, presso lo stadio della locale squadra calcistica Folgor Marlia, a cui gliorganizzatori vogliono porgere un ringraziamento speciale per l’ospitalità, si è tenuta la sesta manifestazione dell’anno organizzata dalla Pugilistica Lucchese, e la prima con il pubblico in presenza dopo un 2020 avaro di eventi pugilistici per Lucca. L’evento, che si è svolto in collaborazione con la Round Zero Gym di La Spezia del maestro Luca Riccardi, ha visto la società lucchese proporre ben undici incontri che hanno entusiasmato il discreto numero di spettatori, molti dei quali giovanissimi. Il tutto svoltosi nel rispetto del protocollo anti-Covid, con posti a sedere distanziati, sanificazioni nella pausa tra gli incontri e obbligo di indossare la mascherina.

 

Per i portacolori della Pugilistica Lucchese il primo pugile nostrano a salire sul ring è stato Filip Donati, al suo debutto con i colori della Lucchese negli élite 2a serie 91kg. Per lui l’incontro si si e chiuso con una meritata vittoria ai punti, arrivata dopo tre intense riprese in cui ha ha avuto la meglio contro un discreto Gabriel Capone, seguito all’angolo dall’ex campione mondiale dei pesi massimi Giacobbe Fragomeni.

 

 

 

 

 

 

 

Donati ha avuto modo di dimostrare le sue notevoli potenzialità fisiche, ma anche dei difetti di tecnica ancora da risolvere con l’aiuto del Maestro Giulio Monselesan. Per questo, ogni sera, il ragazzo arriva da Cenaia (Pisa), per allenarsi nella palestra dell’ISI Pertini. Arriva invece una sconfitta per Achraf Leckal, yout 67kg, nella rivincita contro Giuseppe Siclari, che il lucchese aveva sconfitto in primavera.

 

Questa volta invece è arrivata una giusta vittoria per il pugile comasco, che ha saputo prevalere negli scambi sulla corta distanza, mentre Leckal si è preso periodi di riposo troppo lunghi durante l’incontro. Finisce invece in pareggio uno dei match più attesi della serata, quello tra Lorenzo Frugoli, youth 75kg, ed Emanuele Ansalone, già campione italiano 2020 (campionati a cui Frugoli non ha potuto partecipare per malattia). I due, tra i migliori pesi medi della loro categoria, hanno poi avuto modo di allenarsi insieme nel ritiro con la nazionale youth, per poi partecipare al recente trofeo Mura. L’esito dell’incontro sembra la giusta conclusione di un match equilibrato e di alto livello, con Frugoli costantemente all’attacco, mentre Ansalone, ben chiuso, rispondeva alle aggressioni del lucchese. Una rivalità questa solo agli inizi, che si svilupperà sicuramente in futuro.

 

Rimedia una sconfitta Alessandro Gatti, protagonista del miglior match della serata assieme al suo avversario Youssef Almourchid. L’incontro è stato corretto, ma spietato, con i due pugili che hanno dato ottima prova delle loro abilità e della loro grinta agonistica, in un sostanziale equilibrio, che alla fine ha visto prevalere sul tabellino dei giudici l’abile pugile di Bolzano, scontentando i numerosi fan di Gatti, ma non solo. A concludere la serata il match clou tra pesi medi élite, con Filippo Rimanti a difendere i colori della Pugilistica Lucchese, nella quale milita da dieci anni, e Gabriele Giacobbe. Ottima prestazione di Rimanti, che come al solito dà il meglio di sé contro avversari più aggressivi e forti fisicamente, che riesce a far imbrigliare con la sua scherma e le precise scelte di tempo, evitando così situazioni di pericolo. Il lucchese classe ‘95 pur non avendo, per ora, obbiettivi definiti all’orizzonte continua a vincere e convincere anche in questa occasione, e conquista anche il premio come miglior pugile della serata.

Share