Successo al Teatro del Giglio per il quindicesimo compleanno del Puccini e la sua Lucca Festival FOTO

Quasi 4400 concerti eseguiti, più 300 artisti coinvolti, una media di 52mila spettatori l’anno: i numeri di un successo targato Andrea Colombini

Lucca, 7 marzo. Una festa autentica, sentita, partecipata, nel nome di Giacomo Puccini e della sua città natale. Il quindicesimo compleanno del Puccini e la sua Lucca Festival – l’unica manifestazione permanente sul Maestro Giacomo Puccini, presieduta e diretta da Andrea Colombini – festeggiato ieri (6 marzo) al Teatro del Giglio, ha riscosso un successo di pubblico tanto atteso quanto gradito.

Cittadini lucchesi e non, artisti perno della manifestazione, esponenti del mondo istituzionale lucchese: tutti insieme per tributare omaggio al Festival che vedeva la luce nel 2004, per intuizione di Colombini.  A lui il compito di fare da “mattatore” della serata, rammentando i numeri – impressionanti – messi via dall’unica manifestazione che rappresenta il Maestro nella sua città natale e nel mondo: quasi 4400 concerti eseguiti, più di 300 artisti di chiara fama coinvolti ed una media di quasi 52mila spettatori per anno (con una presenza di stranieri pari al 99,1 % del pubblico). Un successo crescente, che nel corso degli anni ha portato a sancire collaborazioni di primo rilievo: basti pensare  – soltanto tra i fatti più recenti – alle sponsorizzazioni da parte di Sky Arts, Google e Latimer Ltd.

“Da 15 anni – ha commentato Colombini – andiamo avanti con le nostre forze, lavorando con bonomia: facciamo il nostro lavoro con un bel sorriso stampato sul volto. Oggi vogliamo ringraziare chi ha da sempre creduto in noi: la mia famiglia, le Fondazioni Cassa di Risparmio di Lucca e Banca del Monte di Lucca, assidue e sensibili sostenitrici di questo progetto culturale, e tutti quelli che hanno collaborato con noi in questi anni. Un ringraziamento speciale va anche ad un’altra nostra grande sostenitrice della prim’ora, che oggi non c’è più: Simonetta Puccini. Vogliamo portare ancora in alto nel mondo il nome del Maestro, così come facciamo – unici – da quindici anni a questa parte”.

Così, dalle 21, il pubblico ha potuto godere della proiezione in prima assoluta a livello continentale del documentario Passions: Puccini by Andrea Colombini. Realizzato e prodotto integralmente da Sky Arts, il documentario – della durata di mezz’ora circa, per la regia di Thea Cole – rappresenta una vetrina invidiabile per il binomio Puccini-Lucca.  Non è mancato nemmeno l’effetto-sorpresa: in video, a seguire, ecco anche uno spezzone dell’ultimo concerto al Musikverein di Vienna, tempio mondiale della musica.

Poi, sul palco si sono alternati i solisti del Festival: accompagnati dal pianoforte del Maestro Diego Fiorini, hanno proposto arie pucciniane per celebrare al meglio la ricorrenza.

Share