Storia e diffusione delle slot, uno dei giochi preferiti dagli italiani

Le slot rientrano nella lista dei giochi preferiti nel nostro Paese, e la loro diffusione capillare e sempre maggiore non può che confermarlo. L’Italia ha infatti il numero di slot machine più consistente di tutta Europa, con circa 458mila macchinette presenti su tutto il territorio e il rapporto più elevato tra numero di cittadini e slot (1 ogni 143 abitanti circa). Non sorprende quindi l’alto numero di italiani che si appassionano ogni anno a questo passatempo e che ne incoraggiano ulteriormente la diffusione, che ha registrato il suo picco massimo durante gli anni Novanta. Il grande apprezzamento da parte degli appassionati di gambling, infatti, spinge in avanti questo settore, sempre più interessato ad applicare le più recenti novità tecnologiche ai vari giochi proposti. Analizziamo quindi insieme il percorso fatto dalle slot machine, dalla loro invenzione al giorno d’oggi.

 

Come funzionano le slot?

Le slot sono tra i giochi d’azzardo preferiti in tutto il mondo e collezionano sempre più appassionati anche e soprattutto in Italia. Nonostante questo, sono davvero in pochi a conoscere il particolare funzionamento delle macchinette da un punto di vista più tecnico, cosa che di certo non aiuta a ottenere le vincite desiderate. Per compensare la carenza di informazioni a questo proposito, è bene leggere alcune guide che spiegano in maniera approfondita come funziona una slot machine, per cultura personale ma anche e soprattutto per venire a conoscenza delle probabilità di vincita offerte da una particolare slot, prendendo in considerazioni alcuni fattori determinanti. Chi vuole tentare la fortuna dedicandosi a questo gioco può ottenere infatti molti vantaggi dalla conoscenza del suo funzionamento.

 

Un salto nel passato

Oltre al loro funzionamento, spesso i giocatori più o meno appassionati di slot non sono al corrente delle loro origini. Sebbene la loro comparsa sia decisamente più recente rispetto ad altri presenti nei casinò come la roulette, per fare un esempio, la nascita delle slot è piuttosto affascinante e risale agli ultimi anni dell’Ottocento. Era infatti il 1895 quando Charles Fey, meccanico tedesco, apportò delle modifiche a una macchina simile che esisteva già che non prevedeva però il pagamento automatico al momento della vincita. Partendo da un bar di San Francisco, in California, queste macchinette ebbero una diffusione straordinaria, al punto da far decidere a Fey di aprire un negozio dedicato alla loro vendita. La prima vera slot machine risale invece al 1898, anno in cui Fey progettò la “Liberty Bell”, chiamata così perché suonava ogni volta in cui c’era una vincita; questa venne poi modificata da Herbert Stefan Mill, ma presentava già le caratteristiche tipiche delle slot che possiamo vedere ancora oggi in giro per il mondo.

 

Le versioni online

Non sono poche le innovazioni tecnologiche che il digitale ha portato con sé, e i casinò non fanno eccezione. Negli ultimi anni, infatti, il settore del gambling ha trovato una platea molto interessata ai suoi servizi online: i giochi di casinò online, con i loro software in grado di replicare i giochi d’azzardo più gettonati dagli italiani, stanno infatti avendo un successo senza eguali. Anche qui sono le slot a farla da padrona, spesso monopolizzando le attenzioni degli appassionati della Penisola. Chiaramente si parla di sistemi che presentano delle differenze rispetto alle macchinette tradizionali, ma non per questo meno affascinanti. Pur non contenendo un meccanismo “fisico”, questi giochi riescono a simulare in modo perfetto il funzionamento delle slot classiche e, allo stesso tempo, ad offrire tutti i vantaggi dei giochi digitali.

 

Il fascino delle slot tradotto in numeri

Per avere un’idea del successo raggiunto da questo settore si possono prendere in considerazione i dati riportati da alcune ricerche condotte sul tema. Per quanto riguarda il comparto del gioco online, infatti, i risultati della ricerca portata avanti dall’Osservatorio del Politecnico di Milano rendono chiaro il grande apprezzamento degli italiani per le slot digitali, con un valore che supera i 320 milioni di euro. Da sottolineare anche il tasso annuo di crescita del 41%, con un fatturato che rappresenta il 60% di quello dei casinò digitali. Facendo il punto della situazione, non esistono al momento altri giochi d’azzardo digitali in grado di superare il predominio delle slot machine. E non è tutto: prendendo in considerazione il gioco tradizionale (offline), infatti, si arriva alla stessa conclusione, come confermano i dati dello studio condotto dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il tutto con una spesa media mensile che raggiunge la straordinaria cifra di un miliardo di euro e con una media pro capite superiore ai 400 euro.

 

Sono passati tantissimi anni dalla nascita delle slot, eppure queste macchinette non hanno fatto altro che attirare sempre più interesse, soprattutto nel nostro Paese. Tale interesse è reso chiaro dai dati degli studi condotti in questo settore e fa da stimolo inarrestabile alla continua evoluzione tecnologica di questo campo.

Share