Boccoli – Interrogazione sul Santuario del Piastraio.
Con la presente siamo a richiedere all’amministrazione (tutta) le motivazioni che stanno alla base del “degrado” che colpisce il Santuario del Piastraio.
“Con stupore e disappunto” i visitatori si trovano “davanti ad un luogo dove abbandono e degrado lo rendono spettrale. Rovi ed erbacce ovunque; l’ultimo tratto di mulattiera, di fianco al Santuario per chi viene da Stazzema, è in gran parte ostruito da massi provenienti dal muro sovrastante; la facciata è deturpata da graffiti di ogni tipo.”
Al danno si aggiunge la beffa se consideriamo che “un cartello con la foto del Santuario avverte che a causa di restauri il dipinto della Madonna del Bell’Amore è stato collocato nella chiesa di S.Maria Assunta…”
Ora, come Stazzema a 360° siamo forti sostenitori del primo cittadino quando veicola i valori di Stazzema quali pace, eguaglianza e libertà. Ma per noi di Stazzema a 360° anche la difesa e il rispetto per tali monumenti rappresentano valori da difendere.
Il Santuario della Madonnina del Piastraio è stato meta di pellegrinaggi, l’immagine dipinta da Guglielmo Tommasi nel 1772 invitava il pellegrino a raccogliersi in preghiera in un ambiente unico, ma oggi tutto questo sembra esser andato perduto (?)
La situazione è di completo abbandono nonostante le cifre spese per il restauro agli inizi del nuovo millennio. Ricordiamo bene la campagna elettorale della compagine vincente solo pochi mesi fa, ed il vanto tanto declamato di aver ottenuto un finanziamento di 200.000€ per il santuario del Piastraio e di San Leonardo.
Vorremmo ricordare all’amministrazione che nel 2021 si terrà un importante anniversario per la fondazione del Santuario e che il margine temporale per procedere con il restauro è davvero ridotto. Non vorremmo certamente che si ripetano le solite promesse di apertura non mantenute.

Share