STASERA  ILLUSTRAZIONE DEL  PROGETTO DI RECUPERO DEL SANTUARIO DELLA MADONNA DEL PIASTRAIO

Locandina invito Santuario del Piastraio20190303_120145

Stazzema– L’Amministrazione comunale di Stazzema, domani sera, 4 marzo 2019, alle 21, presso la Sala di Compagnia del SS. Sacramento di Stazzema capoluogo illustrerà ala popolazione della frazione il progetto di recupero del Santuario della Madonna del Piastraio.

A nostro modesto giudizio l’invito a partecipare, stando alla storia del Santuario della Madonna del Piastraio o del Bell’Amore, ma conosciuto nei luoghi come il Santuario della Madonnina, doveva essere esteso anche alla popolazione della frazione di Mulina di Stazzema, perché quell’edicola della madonnina miracolosa, poi inglobata nella struttura del Santuario, era curata dalla mulinese Bartolomea Bertocchi.

Quasi duecento anni fa, nel 2021 saranno due secoli, tutto partì da quella piccola marginetta, senza contare che il popolo di Mulina compartecipò alla costruzione. Allora la chiesa oratoriale di San Rocco di Mulina era nella cura ministeriale della parrocchia di Santa Maria Assunta di Stazzema. Divenne chiesa parrocchiale alla fine degli anni ’50 del secolo passato e poi, soppressa negli anni ’90 dall’Arcivescovo Alessandro Plotti come ente giuridico parrocchiale, è stata di nuovo accorpata alle cure della Parrocchia di Santa Maria Assunta di Stazzema. Anche per questo la popolazione di Mulina doveva essere coinvolta attraverso lo specifico avviso istituzionale che è stato affisso a Stazzema.

Share