Teatro Nieri di Ponte a Moriano: al via il restauro delle facciate.

A metà maggio si passerà agli ambienti interni

Stamani (29 marzo) gli assessori Raspini e Mammini hanno effettuato un sopralluogo.

Gli assessori ai lavori pubblici Francesco Raspini e all’urbanistica Serena Mammini, insieme al consigliere Leonardo Dinelli, stamani (29 marzo) hanno effettuato un sopralluogo al teatro Idelfonso Nieri di Ponte a Moriano, dove da alcuni giorni è stato aperto il cantiere per la ristrutturazione esterna ed interna dell’edificio, a cui sono stati destinati 562mila euro finanziati dal Comune di Lucca e dalla Regine Toscana, nell’ambito di quella che è stata definita “operazione teatri”, con cui l’amministrazione Tambellini ha investito quasi 3 milioni di euro per rendere più funzionali, oltre al teatro Nieri, il teatro del Giglio, il San Girolamo e il San Romano.

In questi giorni la ditta che ha vinto l’appalto (l’Ati Gba Costruzioni, Cavalletti e Bonturi) sta completando l’allestimento dei ponteggi esterni. Nella prima fase, infatti, i lavori riguarderanno le facciate, che saranno tutte restaurate e ritinteggiate, ripristinando i colori originali dell’architettura, e il tetto, che verrà impermeabilizzato. Saranno sistemate le gronde, i cornicioni e verranno sostituiti i pavimenti delle terrazze. Saranno restaurati tutti gli infissi di legno.

“Il teatro Nieri è un presidio di cultura e socialità importante – hanno detto gli assessori Raspini e Mammini – soprattutto in un’ottica di sistema territoriale policentrico, che non contempla un unico centro forte e tutto il resto periferia, ma più centri di rango diverso dove i cittadini possano trovare opportunità e servizi più vicini al luogo dove vivono. Con questo intervento, quindi, andiamo a rinnovare e migliorare un edificio storico, già inserito nel sistema delle sale teatrali e auditorium del Comune, e lo facciamo perché possa proseguire a ospitare, come già sta facendo, associazioni teatrali, attività di intrattenimento e rassegne, divenendo sempre di più un punto di riferimento per tutta la parte settentrionale del territorio”.

Dopo la prima metà di maggio, quando sarà terminata l’attività programmata del teatro, inizierà la seconda fase dell’intervento. I lavori si sposteranno infatti all’interno, dove saranno eliminati gli ammaloramenti causati dalle infiltrazioni provenienti dal tetto. Saranno quindi imbiancate nuovamente tutte le superfici sia della platea che della galleria e l’ingresso, biglietteria, vano scale, bagni camerini e locali accessori. Sarà introdotto un nuovo pavimento in legno per il palcoscenico e una nuova moquette per la platea, verranno sostituite le porte dei camerini. La balaustra della galleria nella porzione frontale sarà abbassata e integrata con pannelli di vetro extra chiaro per migliorare la visibilità del palco. Infine sarà spostata lateralmente la scaletta di accesso al palco dalla platea in modo da migliorare la funzionalità e l’estetica della bocca di scena.

I lavori andranno avanti per il periodo primavera-estate: l’obbiettivo è di riconsegnare il teatro rimesso a nuovo per l’avvio della prossima stagione teatrale.

Share