Spaghetti, svelati i nuovi marchi contaminati dal glifosato. La LISTA dei peggiori e dei migliori

https://www.greenme.it/consumare/sai-cosa-compri/spaghetti-glifosato-test/?fbclid=IwAR1TMsTiUS2FpxYy1TM9NPt999yVgssj0iN30aMU61tqMsFDDX3quQXsuGY

Tornano gli spaghetti al glifosato. Le nuove analisi, condotte dalla rivista Il Salvagente, confermano la presenza del tanto noto quanto discusso erbicida in 7 prodotti su 20, purtroppo.

Già nel 2018 e nel 2019 alcune analisi avevano dimostrato che, all’interno della pasta (non solo spaghetti) venduti nel nostro paese da diversi marchi, vi era la presenza di glifosato, una sostanza controversa che molti studi hanno collegato ad una serie di possibili disturbi per la salute umana (oltre ai danni ambientali) e che lo Iarc considera come un “probabile cancerogeno”.

Ebbene, nel 2020 la situazione della pasta al glifosato non solo non è migliorata, ma addirittura è peggiorata. Rispetto al precedente test condotto dalla stessa rivista nel 2018, l’erbicida è stato trovato in più pacchi di pasta. Due anni fa solo le paste di Eurospin e Lidl contenevano tracce di glifosato, ora invece sono 7 i marchi in cui è stato trovato.

La rivista tenta di spiegare come è possibile che invece di migliorare andiamo peggiorando. Il motivo potrebbe essere che, proprio tra il 2016 e il 2018, l’attenzione verso il glifosato era massima. Erano usciti diversi studi e si era cominciato a parlare dei pericoli di questa sostanza per salute. I consumatori dunque erano più attenti e orientavano in un certo modo i loro acquisti.

E ora? Forse si è un po’ troppo spenta l’attenzione sul glifosato e, non a caso, si prevede che le importazioni del grano canadese torneranno nel 2020 ai livelli massimi del 2016.

Il nuovo test effettuato da Il Salvagente ha preso in esame un totale di 20 marche di spaghetti con l’obiettivo di trovare tracce non solo di glifosato ma anche di altri pesticidi e sostanze controverse che entrano all’interno della pasta dalla materia prima con cui è realizzata: il grano.

Gli spaghetti al glifosato

Arriviamo subito al punto che ci interessa, gli spaghetti in cui è stato trovato glifosato sono i seguenti:

  • Divella
  • Esselunga
  • Eurospin
  • Garofalo
  • Lidl
  • Rummo
  • Agnesi

Divella, Esselunga, Eurospin, Garofalo, Lidl e Rummo producono spaghetti utilizzando anche grano straniero e, sottolinea la rivista, probabilmente questo proviene dal Canada. La certezza però non c’è dato che i produttori possono indicare in etichetta un generico provenienza “Ue” e/o “non Ue”.

Starete pensando che, dato che la maggior parte di grano contaminato con glifosato arriva dal Canada, comprando spaghetti 100% italiani (dunque con grano proveniente dal nostro paese) potete stare sicuri di scongiurare il problema. Purtroppo il test dimostra che non è così, anche gli spaghetti Agnesi con grano 100% italiano presentano tracce di glifosato, anche se ben al di sotto dei limiti di legge, come del resto per gli altri campioni.

Il Salvagente ricorda però che diversi studi hanno evidenziato come il glifosato possa essere pericoloso anche a dosi molto basse. Una delle ultime ricerche è quella condotta dall’Università di Turku in Finlandia che ha mostrato come questo erbicida sia in grado di influenzare il microbiota intestinale, con effetti negativi sul 54% delle specie batteriche intestinali.

Ma non solo, altri studi hanno mostrato i danni del glifosato sul fegato e sul sistema endocrino, tanto per citarne alcuni.

Gli spaghetti migliori

Dall’analisi de Il Salvagente gli spaghetti migliori del test sono risultati essere:

Seguite da NaturaSì e Giromoloni. Escono bene dal test anche Barilla e Voiello che ottengono un 7.

Micotossine pericolose per i bambini

Il test ha trovato anche la presenza di micotossine in alcuni campioni di pasta. In particolare preoccupa la presenza di Deossinivalenolo (Don), pericoloso soprattutto per i bambini.

Anche in questo caso, tutti i campioni sono al di sotto del limite di legge (750 mcg/kg) ma si tratta di valori limite per gli adulti. Ci sono stati però 3 campioni di spaghetti, quelli a marchio Garofalo, Agnesi e Lidl, le cui concentrazioni sono superiori al limite previsto per i bambini sotto i tre anni (200 mcg/kg).

La rivista conclude che:

“pur non essendo espressamente paste pediatriche, e quindi non costrette a rispettare quel limite più severo, a nostro giudizio sarebbe meglio non condividerle con i più piccoli“.

Diventa sempre più difficile acquistare una pasta “pulita” per noi e per i nostri bambini. Per quanto possibile, orientiamoci verso i prodotti 100% italiani e da agricoltura biologica.

Fonti: Il Salvagente

Share