Sondaggio incubo per il M5S: mai così in basso dal 2013, doppia cifra a rischio

L’ultimo sondaggio di Winpoll vedrebbe il Movimento 5 Stelle al 12,7%: dal 2013 mai i pentastellati sono stati dati così in basso, tanto che ora tra i grillini cresce la paura di poter scendere sotto la doppia cifra.

Sondaggio incubo per il M5S: mai così in basso dal 2013, doppia cifra a rischio

Luigi Di Maio si è tolto la cravatta abbandonando la guida del Movimento 5 Stelle ma la nave pentastellata, da tempo alla deriva, rischa ora di andare a picco. L’ultimo sondaggio politico dell’istituto Winpoll a riguardo parla chiaro.

I 5 Stelle attestati al 12,7% tornerebbero infatti ai livelli del febbraio 2013, con i fasti delle ultime elezioni politiche quando presero il 32,7% che sembrerebbero essere lontani anni luce per il Movimento.

Dopo il ridimensionamento alle europee e il flop alle ultime elezioni regionali, i grillini sembrerebbero essere sprofondati in una crisi che sta spaccando il partito ormai sempre più diviso in tante correnti.

Con gli stati generali di marzo a rischio rinvio, i 5 Stelle al momento appaiono incapaci di potersi riorganizzare dopo il passo indietro di Di Maio complice anche le difficoltà del governo viste le minacce di Renzi sul tema prescrizione.

Sondaggio da incubo per il M5S

Quando il Movimento 5 Stelle uscì fuori dalle urne delle elezioni politiche 2018 come il partito più votato, in molti paventavano la possibile nascita di una sorta di Terza Repubblica visto il tracollo dei partiti tradizionali e la fine del bipolarismo che aveva segnato gli anni del berlusconismo.

Prima al governo con la Lega e poi con il centrosinistra, i pentastellati si sarebbero però progressivamente sgonfiati inanellando una serie molto preoccupante di debacle elettorali tra le europee e i vari voti locali.

L’ultimo sondaggio di Winpoll, realizzato tra il 30 gennaio e il 2 febbraio, è impietoso nei confronti di un Movimento che viene attestato al 12,7%, ai livelli quindi del febbraio 2013 quando ancora doveva sbarcare in Parlamento.

In grande crisi anche Forza Italia, data al 4,8% è anch’essa sul viale del tramonto, mentre in crescita ci sarebbe il Partito Democratico insieme a Fratelli d’Italia, con la Lega che terrebbe botta confermandosi primo partito per distacco.

Tra voci di scissioni e una linea politica che appare sempre più confusa, il Movimento 5 Stelle a breve nei sondaggi potrebbe finire sotto la doppia cifra: Di Maio dimettendosi adesso non è più il bersaglio di tutte le critiche, ma senza una sterzata il sogno grillino rischia seriamente di infrangersi proprio nel momento in cui è arrivato nella stanza dei bottoni.

Share