Sociale: meno vincoli e maggiori stanziamenti per i contributi a integrazione dei canoni di affitto. Si amplia la platea dei potenziali beneficiari. Guidugli: «Puntiamo a ridurre il rischio di morosità e sfratti»

Si amplia la platea delle famiglie seravezzine che nel 2019 potranno godere di contributi economici a integrazione dei canoni di affitto. Il Comune di Seravezza ha deciso infatti di aumentare di 20 mila euro il proprio stanziamento a sostegno della misura e di ammettere a contributo anche le famiglie con un patrimonio mobiliare fino a 50 mila euro, in deroga al limite di 25 mila fissato dalla Regione Toscana. «Un nuovo, concreto e forte segnale di attenzione che l’Amministrazione Tarabella rivolge al sociale e una prova dell’ottima sinergia tra assessorato e uffici, con una piena intesa e condivisione degli obiettivi», commenta l’assessore Orietta Guidugli.

Le risorse che il Comune di Seravezza dedica ai contributi sulle locazioni è raddoppiato negli ultimi tre anni: dai 20 mila euro del 2017 ai 40 mila attuali. L’incremento di quest’anno deriva da una rimodulazione degli stanziamenti legata alle modalità di erogazione del reddito d’inclusione introdotto nel 2018. L’altra grossa novità, come accennato, è rappresentata dalla deroga che il Comune ha introdotto – in piena autonomia rispetto alle disposizioni regionali – sul patrimonio mobiliare dei potenziali destinatari dei contributi: Firenze ammette tra i beneficiari solo i nuclei familiari con patrimonio mobiliare fino a 25 mila euro; Seravezza ha innalzato questo limite a 50 mila euro. «Da una parte maggiori risorse, dall’altra un allentamento dei vincoli: con questo puntiamo ad ampliare il numero dei cittadini che potranno usufruire del contributo sugli affitti, riuscendo a prevenire in tal modo le morosità e a ridurre di conseguenza eventuali sfratti», aggiunge l’assessore Guidugli. «L’intervento si inquadra in un ampio programma di potenziamento del sociale a Seravezza che passa quest’anno anche attraverso un ulteriore incremento di 7 mila euro del capitolo relativo ai contributi».

Il bando per l’assegnazione dei contributi sugli affitti 2019 è già aperto. Le domande di accesso alla graduatoria si possono presentare entro il 20 luglio prossimo. Tra i principali requisiti per accedere al bando si segnalano: possedere la cittadinanza italiana o quella di uno Stato appartenente all’Unione Europea; avere la residenza anagrafica nel Comune di Seravezza e presso l’immobile con riferimento al quale si richiede il contributo; non detenere diritti di proprietà o di usufrutto, uso o abitazione di alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare nel raggio di 50 chilometri dal Comune; non essere titolari di patrimonio mobiliare superiore a 50 mila euro; essere titolari di un regolare contratto di locazione ad uso abitativo, regolarmente registrato o depositato per la registrazione, in regola con le registrazioni annuali; essere in possesso di attestazione Ise per un valore uguale o inferiore a 13.338,26 euro per la fascia A (incidenza del canone non inferiore al 14% del reddito) o di 28.684,36 euro per la fascia B (incidenza del canone non inferiore al 24%) o di attestazione Isee di 16.500 euro nel caso di locazioni in alloggi Erp. L’entità del contributo sarà calcolata in rapporto all’incidenza del canone sul valore Ise.

Il bando e i relativi moduli sono disponibili sul sito web del Comune all’indirizzo www.comune.seravezza.lucca.it.

Share