Smaltimento illegale dei rifiuti, arrestati cinque imprenditori

PIANA DI LUCCA – Cinque imprenditori della Piana di Lucca sono finiti agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta sullo smaltimento illegale dei rifiuti. Si tratta di Mariano e Martino Fornaciari, 64 e 32 anni, titolari della ditta 3F Ecologia; Felicino e Federico Del Carlo, 50 e 26 anni, titolari della DC Green ed Alessando Salutini, legale rappresentante della stessa ditta.

-FONTENOITV

 

Secondo quanto appurato dalla Guardia di Finanza di Firenze, tra il 2013 ed il 2014 sono state smaltite illecitamente 36mila tonnellate di rifiuti provenienti dalla lavorazione del ciclo della carta. Ma c’è anche il filone dei prodotti reflui provenienti dai depuratori di fanghi industriali: 45.000 tonnellate sarebbero state sversate in terreni agricoli su cui poi veniva coltivato prevalentemente grano nelle zone di Peccioli e Palaia, in provincia di Pisa, e Montaione in provincia di Firenze.

L’inchiesta ha coinvolto anche due importanti cartiere lucchesi e i gestori delle risorse idriche del territorio. E’ stato infatti interdetto dall’esercizio di attività di impresa il titolare della cartiera Pieretti di Marlia e risulta indagato il legale rappresentante della stessa cartiera.

Analoghi provvedimenti per il legale rappresentante e  l’incaricato della gestione rifiuti dalla ditta Lucart – Cartiera Lucchese di Porcari.

Indagati anche i legali rappresentanti di Gaia, Geal e Sea.

di Redazione

 

Share