swimming-pool-857179_1920

Dal 31 marzo al 31 dicembre 2016: slitta il termine per l’adeguamento alla normativa regionale delle strutture ricettive con piscina. Il consiglio regionale ha approvato, quindi, un’ulteriore proroga. Una notizia che viene accolta con grande entusiasmo delle associazioni di categoria. Via libera quindi alla proposta di legge, che apporta alcune modifiche alla normativa regionale vigente in merito alla disciplina dei requisiti igienico-sanitari delle piscine ad uso natatorio.

Una direttiva che è stata accolta con favore da entrambe le parti politiche. A presentarla i consiglieri Stefano Scaramelli e Leonardo Marras (Pd), Stefano Mugnai e Marco Stella (Forza Italia); a tutela degli operatori di settore e di quelle strutture in via di adeguamento che rivestono un ruolo di presidio sociale e di salute per l’intera comunità.  La legge del 2006, modificata nel 2014, e il relativo regolamento regionale del 2010, hanno dimostrato alcune difficoltà attuative. E’ stata, quindi, ritenuta più che opportuna la proroga al 31 dicembre 2016 del termine entro cui le piscine devono adeguarsi alla normativa.

In concomitanza con il cambiamento del “regolamento” parte anche, martedì 8 marzo alla Confcommercio di Castelnuovo, il corso di formazione per responsabili e addetti agli impianti. Il corso sarà utile a tutti coloro che detengono questo tipo di strutture e che devono necessariamente adeguarsi alla nuova normativa regionale. Due percorsi, da 38 o da 20 ore, a seconda della presentazione di un’apposita deroga, che regolarizzeranno le aziende sotto il profilo della formazione e che saranno utili a capire in profondità il nuovo regolamento.

Share