FRIDAY I’M IN LOVE – LA GENIALITA’ DI SYD BARRETT NEI SUOI ALBUM DA SOLISTA

Syd Barrett è al centro dell’incontro del ciclo ‘Friday I’m in Love’ in programma allo Sky Stone & Songs il 21 febbraio alle 21:30, a ingresso libero.

Nel 1970, Barrett ha pubblicato, non senza difficoltà, due album obliqui e un po’ sghembi, immersi in uno straordinario liquido visionario che, ancora oggi, mostrano lo splendore e l’estrema fragilità di fronte al precipizio dell’infinito.

Di questi due album da solista parlerà René Bassani, ripercorrendo, al tempo stesso la vita di un artista che è stato ‘anima’ dei primi lavori di una delle band che ha scritto la storia della musica contemporanea, i Pink Floyd.

Gli incontri proseguiranno il 6 marzo quando protagonista è Donovan per l’incontro tenuto da Rossano Rossi, sul tema ‘Donovan – The Hurdy Gurdy Man: la vita, la musica e la storia del menestrello di Glasgow’; serata speciale, quella del 20 marzo, quando Carlo Puddu, Lorenzo Mei e Luca Giovacchini che parleranno di Leonard Cohen e del suo disco postumo ‘Thanks for the Dance’. Il 3 aprile, poi, è la volta di Federica di Spilimbergo che affronterà la relatività del tempo nel concetto di Maynard James Keenan nell’incontro ‘Tool – A Perfect Time: la relatività del tempo nell’universo Tool/A Perfect Circle’; il 17 aprile tocca invece ad Aurelio Pasini far scoprire un mondo tanto importante quanto poco conosciuto, quello degli Hanoi Rocks, nell’incontro ‘Hanoi Rocks 1980/1985: Strange boys play weird openings’, mentre l’8 maggio, Giovanni Misuri approfondisce la figura di Pj Harvey nell’incontro ‘I mille volti e la voce inconfondibile di un’artista iconica’. Il penultimo incontro è in programma il 22 maggio ed è affidato a Lorenzo Mei che propone un approfondimento sulla produzione discografica di Bob Dylan dal 1975 al 1979, analizzando i tre album prodotti in questo periodo, mentre chiude questo ciclo di incontri Matteo Lorenzetti il 5 giugno con l’incontro ‘Brian Eno – i segreti di un non-musicista’.

Share