CONSIGLIO PROVINCIALE DI LUCCA: SI E’ INSEDIATA LA NUOVA ASSEMBLEA DOPO LE ELEZIONI DEL 18 DICEMBRE SCORSO

Uno screenshot di un momento della prima seduta consiliare in videoconferenza

Sì è insediato oggi (lunedì 3 gennaio 2022) il nuovo Consiglio provinciale di Lucca dopo le elezioni dello scorso 18 dicembre che hanno rinnovato l’assise di Palazzo Ducale con la consultazione di secondo livello a cui erano chiamati 475 amministratori del territorio tra consiglieri comunali e sindaci.

La seduta – svoltasi in videoconferenza – è iniziata con l’esame della condizione degli eletti e la convalida dei 12 consiglieri – votata all’unanimità – entrati nel nuovo Consiglio provinciale che rimarrà in carica 2 anni, mentre il presidente Luca Menesini, rieletto nel dicembre 2019, rimane in carica 4 anni.

In base ai risultati delle preferenze espresse nelle elezioni di dicembre, alla lista “Provincia Civica Democratica e Progressista con Menesini” sono stati assegnati 6 seggi, occupati dai consiglieri Patrizio Andreuccetti, Sara D’Ambrosio, Andrea Carrari, Teresa Leone, Iacopo Menchetti e Nicola Conti; alla lista “In Provincia” 3 seggi: Marco Remaschi, Lorenzo Alessandrini e Chiara Consani; infine alla lista denominata “Centrodestra e Civiche per la provincia di Lucca” i rimanenti 3 seggi a disposizione: Ilaria Benigni, Matteo Petrini e Michele Giannini.

Nell’occasione è stata data comunicazione della costituzione, in seno all’assemblea, del gruppo consiliare “Fratelli d’Italia” con Matteo Petrini capogruppo e Michele Giannini vice capogruppo; e del gruppo della “Lega” che vede Ilaria Benigni capogruppo.
La lista “In Provincia” annuncerà prossimamente il nome del capogruppo, mentre fino a successiva comunicazione il capogruppo della lista “Provincia Civica Democratica e Progressista con Menesini” è Sara D’Ambrosio in qualità di consigliere più anziano (per lei questo è il 3° mandato in Provincia – ndr ). In merito alle nomine il presidente Menesini ha rimandato alle prossime sedute consiliari l’indicazione del vicepresidente della Provincia di Lucca così come quella delle deleghe da assegnare ai consiglieri.

Nel suo breve discorso introduttivo, in cui ha rivolto un caloroso benvenuto a tutti i consiglieri eletti, il presidente Menesini, sottolineando l’avvio della quarta consiliatura provinciale dal 2015 dopo l’applicazione della legge Delrio, ha stigmatizzato: “il disallineamento delle elezioni per il rinnovo del Consiglio da quelle del presidente e auspicato l’accelerazione da parte del Governo e del Parlamento per la riforma degli enti locali e delle Province in particolare, di cui circola una bozza dalla fine di ottobre e che sarà discussa dal Consiglio dei Ministro entro la fine di gennaio. La legge Delrio era funzionale all’abolizione delle Province – ha dichiarato Menesini –; poi l’esito referendario ha cambiato le cose e ora le Province hanno di nuovo un ruolo importante che però dev’essere incasellato in un quadro legislativo diverso da quello attuale: ponti, viabilità, infrastrutture, edilizia scolastica ma anche il supporto che le Province offrono ai piccoli Comuni nell’ambito del lavoro del Pnrr e dei bandi per l’ottenimento dei finanziamenti europei sono competenze importantissime per i nostri territori”.

In conclusione della seduta consiliare il presidente Menesini ha annunciato che il bilancio di previsione dell’ente di Palazzo Ducale è in fase di perfezionamento; il provvedimento sull’esercizio finanziario sarà presto oggetto di verifica da parte dei Revisori dei conti per poi essere portato all’attenzione del consiglio nel mese di febbraio per l’approvazione.

Share