Urbanistica: si presentano alla cittadinanza le varianti adottate nell’ultima seduta del Consiglio Comunale. Ulteriori incontri previsti dopo la presentazione dei piani attuativi

Mercoledì 30 ottobre alle ore 10 si terrà in Municipio a Seravezza la presentazione pubblica degli atti urbanistici adottati nell’ultima seduta del Consiglio Comunale. Si tratta della variante semplificata al Piano Strutturale per il trasferimento dell’area produttiva di Ponte di Tavole, via Federigi angolo via Ciocche, dall’UTOE n. 7 all’UTOE n. 6, della conseguente variante semplificata al Regolamento Urbanistico per l’individuazione dell’area di “Recupero e rinnovo urbano RR37” all’interno del lotto attualmente classificato “D1”, ubicato nello stesso spazio di Ponte di Tavole, e della variante semplificata al Regolamento Urbanistico relativa all’area di “Recupero e rinnovo urbano RR8 – via Ranocchiaio”. L’incontro è un adempimento previsto dalla normativa urbanistica regionale in tema di comunicazione e partecipazione ed anticipa future assemblee di ulteriore approfondimento conseguenti alla presentazione dei piani attuativi.

I primi due atti si caratterizzano per essere consequenziali e riguardano un’area posta tra via Federigi, via Ciocche e il fiume Versilia oggi interessata da un fabbricato produttivo e da altre costruzioni a corredo. Con le due varianti semplificate l’area viene dapprima esclusa dall’Unità Territoriale Omogenea Elementare di Ciocche-Puntone e inglobata in quella di Ponte di Tavole – Ranocchiaio e destinata, attraverso un intervento di ristrutturazione urbanistica, alla creazione di una nuova struttura adibita al commercio nella quale troverà posto una media struttura di vendita che potrà essere a carattere alimentare. Per l’attuazione dell’intervento – da rendere operativo previa approvazione di uno specifico piano di recupero – è previsto l’impegno da parte della proprietà a realizzare, a scomputo degli oneri concessori, un miglioramento dell’accesso su via Ciocche, un collegamento tra la pista ciclabile di via Federigi e l’argine del Fiume Versilia nonché il versamento, oltre alla parte restante degli oneri, di un “contributo straordinario” finalizzato alla realizzazione all’interno dei centri abitati della pianura, in particolare del centro di Querceta, di lavori di manutenzione, riorganizzazione, rifacimento o rinnovamento di opere pubbliche o d’interesse generale, nonché per la realizzazione di servizi, per un importo totale di 1.200.000 euro.

Il garante ricorda che, come detto, i due atti fanno parte di un processo urbanistico che si concluderà con l’adozione e l’approvazione di un piano attuativo. In tale sede, dovendo effettuare una nuova presentazione alla cittadinanza, in considerazione dell’importanza che riveste a livello territoriale la trasformazione dell’area, potranno essere previste ulteriori presentazioni pubbliche direttamente nelle aree prossime all’intervento.

L’altra variante che verrà presentata riguarda il centro di Querceta e prevede la modifica della perequazione per l’attuazione del lotto di recupero e rinnovo urbano posto tra il parcheggio collocato sul lato Massa di via Federigi, in prossimità dell’incrocio con via Fratelli Rosselli, e via Ranocchiaio.

Il garante ricorda infine che i documenti relativi all’esclusione dalla procedura di assoggettabilità a VAS delle varianti, nonché tutti gli atti che le costituiscono, sono scaricabili dal sito web del Comune nella sezione Urbanistica. L’Ufficio e il Garante, oltre che durante la presentazione del 30 ottobre prossimo, rimangono comunque a disposizione dei cittadini per qualsiasi ulteriore chiarimento o informazione in merito agli atti in questione.

Share