seravezza – un nuovo parcheggio


URBANISTICA: IN ADOZIONE IL PIANO DI RECUPERO CHE PORTERÀ IN DOTE UN NUOVO PARCHEGGIO PUBBLICO AL BORGO DEI TERRINCHESI

Nella seduta di domani, martedì 28 marzo, il Consiglio Comunale di Seravezza discuterà l’adozione di un piano urbanistico di recupero e rinnovo urbano a Pozzi che porterà in dote un nuovo parcheggio pubblico al Borgo dei Terrinchesi, quartiere densamente popolato ma carente di adeguati spazi pubblici per la sosta. Si tratta di un intervento di iniziativa privata su un’area di circa 950 metri quadrati collocata fra le vie Trento e Borgo dei Terrinchesi. Qui, a fronte della realizzazione di cinque alloggi, i proprietari cederanno al Comune un’area attrezzata a parcheggio di circa 420 metri quadrati.

L’iter del procedimento è ormai in dirittura d’arrivo. Il passaggio di domani in Consiglio Comunale prelude infatti all’approvazione definitiva, attesa nell’arco di pochi mesi. In precedenza l’assemblea cittadina aveva già provveduto all’adozione e alla successiva approvazione di una variante al Regolamento Urbanistico. «Le previsioni del piano di recupero si inseriscono in modo coerente nel contesto urbano del quartiere, a prevalente destinazione residenziale, sia sotto il profilo delle funzioni che delle destinazioni», commenta il vicesindaco con delega all’urbanistica Valentina Salvatori. «L’area è attualmente occupata da un fabbricato di tipo artigianale. Al suo posto i proprietari realizzeranno cinque appartamenti e un parcheggio da sette posti auto (di cui uno riservato ai disabili) sulla via Borgo dei Terrinchesi, dotato di impianto di illuminazione notturna e di una viabilità interna a doppio senso di marcia per consentire la manovra. Il parcheggio passerà alla proprietà pubblica in virtù della perequazione urbanistca concordata. Sarà un’opera molto utile per i residenti della zona, oggi dotata di spazi insufficienti per la sosta per le auto. Importante sottolineare che, trattandosi di un piano di recupero dell’esistente, tutto ciò si realizza senza consumo di suolo».

Share