Un grave lutto, stamattina, ha colpito la città di Seravezza, ci ha lasciati Antonella Landi, a soli 61 anni. Combatteva da diverso tempo contro un tumore, che stavolta l’ha sopraffatta.

Una comunità distrutta dal dolore. Antonella è stata per la gente del suo paese come la scia piu’ luminosa delle comete, nella notte di San Lorenzo. Una persona di cui tutti sentiranno forte la mancanza. Il suo sorriso, la sua tenacia, la raffinatezza, il suo amore infinito per il prossimo, un modello da seguire per molte donne, le quali non potevano far altro che ammirarla, perchè non finiva mai di stupirti.

Era figlia di Maddalena, storica proprietaria della merceria di via Camapana, e di Ugo Landi, che per molto tempo è stato un riferimento importante per l’Associazione Marinai d’Italia.

Da qui, probabilmente, è iniziata la passione di Antonella per la dimensione del viaggio.

Diplomata al Liceo Linguistico di Viareggio, aveva poi frequentato la Scuola per Traduttori ed Interpreti. Un talento innato per le lingue straniere, ne parlava ben 4, e ne aveva imparate altre, lungo il corso della vita.

Dopo la gavetta presso le piu’ prestigiose agenzie di viaggio della zona, ecco, nell’87, arrivare l’occasione che persone intraprendenti come lei non si sarebbero mai lasciate scappare, fu così che approdò a Costa Crociere.

Iniziò subito una luminosa carriera, divenne Tour Manager, oltre ad occuparsi, in seguito,  della formazione stessa del personale. Ha fatto piu’ volte il giro del mondo, e ancora non si sentiva appagata da quella magia. La cosa meravigliosa del suo lavoro era il connubio che si creava con la sua grande passione per il viaggio, non solo inteso in senso fisico, reale ma anche metaforico e filosofico, alimentata da una vorace curiosità che le ha fatto guadagnare un raro bagaglio di conoscenze, che i soli sudi mai avrebbero reso così ricco.

Era appassionata di teatro, recitazione, aveva fatto corsi di dizione, non solo studiava le lingue straniere ma era molto interessata anche ai dialetti, aveva tenuto conferenze sulla consapevolezza del viaggio, fulcro di tutta la sua esistenza,  ma anche su un altro argomento che la appassionava particolarmente, l’astrologia ed i tarocchi.

Era diventata esperte di relazioni umane, seguendo un corso di counseling, e in questo periodo stava lavorando ad un nuovo progetto, con la Pro Loco di Seravezza, finalizzato alla formazione del personale nel settore turistico, a livello regionale.

L’Associazione esprime tutto il dolore e il cordoglio per la prematura scomparsa di Antonella, attraverso le parole del Presidente, Marco Bertagna, con la voce rotta dalla commozione – “Stava collaborando di nuovo con noi, ne eravamo davvero fieri, perché oltre ad essere una delle massime esperte nell’ambito turistico, aveva fatto anche parte del Consiglio, in passato. Ancora non riusciamo a capacitarci del fatto che dovremo fare a meno di lei”.

Antonella era molto attiva anche in altre Associazioni che si occupano di disabilità, come Semplicemente Genitori, dando un notevole contributo grazie alle rare qualità umane e professionali.

E’ quasi impossibile spiegare a parole cosa ha rappresentato Antonella per la sua comunità. Possiamo solo immaginare quanto sarà triste non incontrarla , con il suo travolgente sorriso, per le vie del paese.

La cara salma si trova esposta presso l’obitorio dell’Ospedale Versilia, dove domani, 11 c.m. Alle ore 14.00, verrà ufficializzata la benedizione.

Anche la redazione di Verde Azzurro Notizie si unisce al dolore dei familiari.

 

 

 

Share