Ambiente: gli scolari del Frasso e di Marzocchino stamani per “Puliamo il Mondo” nel fiume Versilia. Assessore Vené: “i bambini hanno le idee chiare e la coscienza pulita, presto nuove iniziative ambientali dedicate a loro”

Sacchi pieni di rumenta: plastiche, latte e pezzi di ferro, brandelli di gomma, vecchie scarpe, persino una ruota di bicicletta e una maschera da saldatore. È il bottino – ricco, purtroppo – accumulato dagli alunni delle classi quinte delle primarie del Frasso e di Marzocchino che stamani hanno partecipato all’edizione 2019 di “Puliamo il Mondo”, promossa a livello locale dal Comune di Seravezza in collaborazione con Legambiente Versilia e il prezioso supporto di Ersu e Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord. Poco più di un’ora nel greto e lungo le sponde del fiume Versilia, zona Ponte di Tavole, per lanciare un segnale di sensibilità ambientale e dare il buon esempio ai grandi. «Prendo a prestito una frase detta stamani da una bambina – “Tocca a noi pulire dove gli adulti hanno sporcato” – per dare il senso di quanto sia alta la consapevolezza dei nostri piccoli concittadini, tanto sulla necessità di preservare l’ambiente quanto sulla lunga strada che ancora c’è da fare perché tutti siano più rispettosi e virtuosi», dichiara l’assessore all’ambiente Dino Vené. «Siamo orgogliosi dei nostri ragazzi e come Amministrazione Comunale cercheremo di fare sempre di più e sempre meglio in campo ambientale puntando su di loro. Già nelle prossime settimane annunceremo le nuove iniziative che stiamo organizzando. “Puliamo il mondo” è un tassello di un grande puzzle di educazione ambientale al quale lavoriamo con impegno e convinzione. Intanto, sento di dover ringraziare Ersu, Consorzio di Bonifica e Legambiente per il decisivo supporto che ci offrono ogni anno in questa circostanza. Un grazie particolare anche all’Ufficio Ambiente del Comune, all’Istituto Comprensivo di Seravezza, sempre sensibile ai temi di educazione ambientale rivolti ai ragazzi, agli insegnanti che quotidianamente si impegnano per promuovere le buone pratiche sull’ambiente e infine agli alunni stessi che anno dopo anno dimostrano di aver le idee chiare e la coscienza pulita, dandoci tanta speranza per il futuro».

L’iniziativa si è aperta stamani alle 9:30 con la distribuzione delle pettorine “Puliamo il mondo”, dei sacchi e dei guanti per la raccolta. Poi un breve intervento dell’assessore Vené e del portavoce di Legambiente Giuseppe Tartarini, quindi via libera alla ricerca e alla raccolta dei rifiuti nel fiume. Personale dell’Ufficio Ambiente del Comune, del Consorzio di Bonifica e di Ersu ha assicurato il necessario supporto in loco per tutta la durata dell’evento.

Share