SERAVEZZA – Finanze: approvata la manovra di assestamento di bilancio e salvaguardia degli equilibri contabili

Il Consiglio comunale di Seravezza ha approvato ieri la manovra di assestamento generale del bilancio e di salvaguardia degli equilibri contabili dell’ente. Un adempimento obbligatorio, con scadenza perentoria al 31 luglio, che assume particolare rilevanza nell’anno del Covid-19. «Quando nei mesi scorsi abbiamo messo a punto il bilancio preventivo 2020 gli effetti dell’emergenza sanitaria non erano del tutto prevedibili», spiega il sindaco Riccardo Tarabella.

 

 

«Adesso, misurato l’impatto che la pandemia ha avuto sulla comunità e sui conti del Comune in questa prima parte dell’anno, prendiamo le decisioni opportune per mantenere i conti in ordine e consentire all’ente di assolvere al meglio il proprio compito istituzionale primario, quello di assicurare i servizi pubblici e il benessere dei cittadini. Avevamo annunciato che l’occasione sarebbe stata utile anche per il varo di iniziative concrete a favore della comunità colpita dalla crisi. Cito a questo proposito un esempio concreto: lo stanziamento di 230 mila euro per il bando che assegnerà contributi comunali a fondo perduto alle attività sospese nella fase più critica dell’emergenza Covid. Un provvedimento che spiegheremo nel dettaglio nei prossimi giorni quando la commissione avrà finito di esaminare le 125 domande pervenute.

 

 

Illustreremo anche le altre iniziative previste nella manovra e inserite nelle disponibilità dei vari settori. Intanto voglio sottolineare anche l’aspetto della tempestività: avevamo promesso tempi rapidi e oggi parliamo di una manovra varata e approvata con più di un mese di anticipo rispetto alla scadenza di legge. Questo per dare agli uffici con grande anticipo le risorse necessarie viste le necessità cogenti del momento. È stato un grosso lavoro quello svolto nelle settimane scorse da tutti i settori dell’Amministrazione nella ricognizione dei fabbisogni dei settori comunali. Il lavoro più difficile ha riguardato l’analisi delle previsioni fatte dagli uffici a inizio anno, e contenute nel bilancio preventivo 2020, e la loro riformulazione alla luce degli impatti del Covid. Questo ha portato alla previsione di minori entrate correnti per 1.470.375 euro. Su queste pesa in particolare il blocco dell’attività amministrativa in ambiti quali il recupero dell’evasione, le sanzioni al codice della strada, i trasporti scolastici, i servizi sportivi, l’addizionale Irpef, il contributo inerti e i permessi per costruire».

Il fine della manovra, come detto, è la salvaguardia degli equilibri di bilancio. Essa registra quindi tutte le stime di variazione delle spese e delle entrate. Le maggiori entrate previste (1.168.668 euro) sono dovute in particolare a trasferimenti dello Stato (685.197 euro a titolo di sostegno alle perdite di gettito degli enti locali e 373.754 euro a titolo di recupero credito Iva verso lo Stato). Sul fronte delle maggiori spese correnti (1.563.284) la manovra registra circa 246.000 euro per lavori pubblici, manutenzione ordinaria del verde e patrimonio; 85.000 euro per servizi scolastici, informatici e centri estivi; 32.000 euro per maggiori servizi per la Polizia Municipale; 350.000 euro per sociale e cultura; 96.000 euro per spese legali, sport e associazionismo; 237.000 euro per attività commerciali e urbanistica. Le minori spese previste, infine, sono dovute refezione e trasporti scolastici (-70.000 euro), gestione dei campi sportivi (-20.000 euro), contributo alla Fondazione Terre Medicee (-20.000 euro), rinegoziazione dei mutui (-190.737 euro).

Nelle proprie comunicazioni in apertura di seduta il sindaco Riccardo Tarabella ha riferito che sul territorio del Comune di Seravezza, con l’avvenuta guarigione dell’ultimo paziente, non si registrano più casi di positivi al Covid-19. Il primo cittadino ha rivolto un appello a non abbassare la guardia e al rispetto delle misure anti contagio ancora in essere per mantenere l’importante risultato raggiunto.

Nella seduta è stato dato inoltre ampio spazio – circa due ore e mezza – alle interpellanze e alle interrogazioni, alle quali hanno puntualmente risposto lo stesso sindaco, gli assessori e i consiglieri di maggioranza. Molti gli argomenti toccati, tra i quali il cavalcavia di Querceta, le scuole, la situazione delle opere pubbliche, gli orari di apertura degli uffici postali, l’illuminazione stradale, i centri marini estivi, le attività del sociale, la Fondazione Terre Medicee e le problematiche della Valle del Serra.

Share