SERAVEZZA –  ASILO “ROMEO SALVATORI” A NORMA SISMICA ENTRO DUE ANNI.

L’Amministrazione Comunale conferma a Basati i propri impegni sul futuro del plesso scolastico

20190105_incontro pubblico scuola romeo salvatori

Seravezza_ Asilo di Basati a norma sismica entro due anni. È l’impegno che l’Amministrazione Comunale ha ribadito incontrando giovedì scorso i residenti delle frazioni della montagna. Dopo la messa a punto del progetto definitivo e il reperimento delle necessarie risorse economiche – 405 mila euro – il sindaco Riccardo Tarabella, l’assessore al patrimonio Giuliano Bartelletti e il consigliere delegato alla pubblica istruzione Riccardo Biagi hanno voluto incontrare le famiglie per dare maggiori dettagli sull’intervento e per confermare la volontà di mantenere viva e attiva la scuola, attualmente unico presidio didattico dell’area collinare e montana. L’incontro, promosso dall’Amministrazione Comunale, si è tenuto presso la Pubblica Assistenza di Basati con una folta partecipazione di cittadini.

«Abbiamo varato un piano di adeguamento sismico da 2,6 milioni di euro che riguarda quasi tutti i plessi scolastici comunali e che punta a metterli in sicurezza e mantenerli in attività», spiega il sindaco. «È un impegno molto gravoso per le finanze dell’Ente, come ho avuto modo di spiegare anche l’altra sera a Basati. Ma i costi si valutano in funzione dei benefici. E i benefici, particolarmente nel caso della scuola dell’infanzia “Romeo Salvatori”, consistono nel favorire il mantenimento di un legame diretto tra il territorio e la popolazione, un presidio di formazione e di crescita che ai bambini insegni anche l’amore per i loro paesi e per le loro radici. Ai genitori e a tutti i cittadini della montagna di Seravezza chiediamo adesso di crederci, come ci crediamo noi, e di rendere questo rapporto costi-benefici il più virtuoso possibile».

I dettagli dell’intervento di messa in sicurezza sismica del plesso di Basati sono stati illustrati dall’assessore Giuliano Bartelletti. «L’Amministrazione Comunale ha dato un preciso segnale per il futuro della “Salvatori”: i finanziamenti sono stati reperiti; il progetto definitivo è stato redatto; i lavori saranno realizzati entro il termine indicato dal tecnico che ha effettuato gli studi di vulnerabilità, ovvero entro due anni», ha detto l’assessore. «Non c’è pertanto alcun elemento di incertezza e le nostre programmazioni vanno avanti come previsto, per la messa in sicurezza di tutte le scuole. Servirà tempo e ci vorranno molte risorse, ma alla fine noi potremo dire di averlo fatto».

«La messa in sicurezza sismica si accompagna a tutte le altre attività promosse dall’Amministrazione a sostegno del mondo della scuola», aggiunge il consigliere delegato Riccardo Biagi. «Voglio solo ricordare, come ultima importante novità, quella riguardante il servizio di trasporto scolastico, ora svolto con pulmini dotati di cinture di sicurezza, moderni, sicuri e poco inquinanti. Stiamo facendo di tutto per valorizzare le scuole comunali e ci aspettiamo che i nostri concittadini, ma direi i versiliesi in generale, ne riconoscano la qualità e le scelgano per i loro figli. Le iscrizioni al nuovo anno scolastico sono in corso e i primi dati che raccogliamo sono incoraggianti».

L’assemblea alla Pubblica Assistenza è stata un utile momento di confronto fra amministratori comunali e cittadini sulle prospettive della scuola di Basati: da una parte i dettagli di una scelta chiara e incontrovertibile per mantenere attivo e rendere più sicuro il plesso; dall’altra le legittime attese e le proposte dei residenti per ulteriori miglioramenti della scuola. «L’ascolto è stato importante», dicono gli amministratori. «Nei limiti del possibile, terremo conto nel prosieguo di tutto ciò che è stato portato alla nostra attenzione».

Share