Sequestro preventivo del depuratore Lavello 1 di Massa Carrara

Con il sequestro preventivo del depuratore Lavello 1, a Massa, messo in atto dalla Capitaneria di Porto di Massa Carrara, operazione frutto di un´indagine partita nel giugno scorso anche a causa delle ripetute segnalazioni da parte dei cittadini,  è emerso uno scenario davvero preoccupante. I valori di molte sostanze inquinanti erano di parecchio oltre il limite consentito e tutto finiva in mare.  Gli indagati sono tre e sono tutti dipendenti di enti pubblici. Gaia spa, gestore dell´impianto, oltre a rendersi pienamente disponibile a collaborare con le autorità, durante tutto lo svolgimento delle indagini, respinge le accuse al mittente, affermando che parte delle opere necessarie, presenti nelle prescrizioni, erano già in previsione.

Share