Dalle lastre di Lavagna alla capitale del Granducato di Toscana

P

artenza in grande stile per il candidato alle regionali Mario Puppa. Il sindaco di Careggine è riuscito a riunire 250 persone in un ristorante di Castelnuovo Garfagnana, tutte paganti e pronte a supportarlo nella corsa alla Regione Toscana:

Un’enorme soddisfazione, nel momento dove la politica è bistrattata e la crisi economica è evidente. Dietro a questo gesto di persone che sono venute a cena ed hanno contribuito con una cifra a sostenere la mia candidatura c’è soprattutto un segno di speranza che io raccolgo; mi responsabilizza, mi impegna, ma è anche il segnale che le persone continuano ad avere fiducia per il futuro e rispetto per chi, come me, ha in qualche modo anteposto gli interessi dei cittadini e della propria gente, soprattutto laddove ho potuto amministrare, come il mio comune Careggine, a qualsiasi tipo di altri interessi. Per me oggi è un segnale fondamentale ed un incoraggiamento enorme, si sente un entusiasmo ed una partecipazione che mi consente di affrontare con la tensione giusta questo mese di campagna elettorale.
1 (2)

Dov’ è nata l’idea della candidatura alle regionali?

Sono partito da un piccolo comune arroccato sulle montagne ed ho fatto un lungo percorso. Devo molto a tante persone perché mi hanno consentito di amministrare bene e con soddisfazione un comune. Questo mi ha portato nell’esperienza della Comunità Montana e nell’Unione dei Comuni a crescere amministrando anche la Garfagnana, un ente importante e un punto di riferimento per tutti i comuni di questa Valle. Molte persone hanno ritenuto di poter vedere in me qualcuno che avesse la conoscenza precisa dei problemi di questa terra, avesse la consapevolezza della potenzialità che questa terra può rappresentare, ma anche in qualche modo ci fosse in me un qualcosa che potesse farsi carico di quello che compete ad una persona che viene eletto in Regione: rappresentare l’intera Provincia, i problemi della Versilia, di Lucca, della Piana oltre logicamente quelli della Valle del Serchio. Una cosa che fa enormemente piacere a cui risponderò con il massimo impegno, l’energia di sempre portando con me le competenze che ho maturato.

La politica, da quella nazionale a quella locale, converge sempre più sulle persone bypassando molte volte l’appartenenza ai vari partiti. Quali potrebbero essere le ragioni che spingono un elettore a votare Mario Puppa pur non condividendo l’area politica?

Vedo che prima di essere una persona che si occupa di politica sono un uomo delle istituzioni, che in qualche modo mette gli interessi del territorio prima di ogni interesse politico: non medio su questo. Ho la consapevolezza che le persone della Valle del Serchio faranno con serenità la X pensando prima di tutto di eleggere una persona che porrà gli interessi del territorio prima degli interessi di una parte politica. Logicamente sono e non nego candidato all’interno di un partito che è anche l’unico che può consentire di conquistare un seggio in Regione. Per questo mi appello al voto utile, perché la nostra Valle non rimanga senza una rappresentanza; la Valle del Serchio è già in sofferenza, siamo sempre a lottare per difendere i nostri servizi e non possiamo permetterci assolutamente di perdere questa occasione. Sono felice di poter essere il candidato che in qualche modo catalizzerà i voti delle persone: è un voto non alla politica ma un voto al territorio.

Una promessa, solo una che sicuramente non verrà dispersa nel vento

Personalmente credo di essere una persona che si è evoluta, ho i piedi per terra e penso di portare la testa a Firenze mantenendo le radici ben ancorate al mio territorio. Dico questo pensando che la conoscenza dei problemi e l’esperienza che mi porto dietro, riesce a farmi affermare una cosa che forse per uno che “fa politica” è un po’ antitetica: in questo momento credo non sia possibile fare promesse. L’unica promessa che faccio serenamente, conoscendomi, è quella di metterci il massimo impegno, la massima passione, la massima disponibilità; non scapperò, mi ritroverete e sarò presente sul territorio, cercherò di essere vicino alla popolazione. Questa è l’unica cosa seria che sento di dire in questo momento. simone
puppa2r

divisori_283

puppa

 

 

 

 

Share