Secondo l’Oms il Covid ha origine animale e non viene dal laboratorio di Wuhan» di Massimo Tarabella

 

Il coronavirus di origine animale; l’ipotesi di un errore in laboratorio è «estremamente improbabile». È questa la rilevazione più concreta raccolta a Wuhan dalla missione dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Mancano ancora risposte definitive alle domande che da più di un anno dividono il mondo: come, quando e da dove è partito il Sars-CoV-2 che ha scatenato la pandemia di Covid-19? Non abbiamo scoperto qualcosa che abbia drammaticamente cambiato la storia. Non sappiamo quale ruolo abbia avuto il mercato di Wuhan – affermano i ricercatori dellOMS – che tuttavia hanno aggiunto nuovi dettagli importanti per la comprensione. Quattro sono le ipotesi sull’inizio del contagio sulle quali si è concentrata l’indagine: 1) trasmissione diretta del coronavirus da una specie animale all’uomo; 2) salto attraverso una specie intermedia; 3) diffusione attraverso la catena alimentare; 4) errore di laboratorio. Gli esperti dell’Oms sentono di escludere che il Sars-CoV-2 sia sfuggito dal laboratorio di Wuhan e non credono che sia il caso di continuare a cercare in quella direzione. Le prime tre ipotesi meritano di essere ancora indagate. Per quanto riguarda l’animale dietro la pandemia i pipistrelli restano i maggiori indiziati, ma ammesso e non ancora concesso che il «colpevole» sia stato il pipistrello, bisogna continuare a studiare per identificare la specie intermedia che ha permesso al coronavirus di entrare in contatto con il genere umano – concludono.

Share