Il nuovo anno scolastico riprenderà il 5 settembre: ecco il calendario del rientro in classe Regione per Regione e tutte le nuove regole anti-Covid, dalle mascherine al distanziamento.

Scuola, il calendario del rientro in classe: quando riprendono le lezioni e le nuove regole su mascherine e distanziamento

Dal 5 settembre si torna in classe. La riapertura della scuola si avvicina, con un calendario differenziato per ogni Regione italiana. Quando rientreranno in aula gli studenti? Ora il calendario è completo per il nuovo anno scolastico 2022/2023: tutte le Regioni hanno stabilite le date per il ritorno e, allo stesso tempo, sono state predisposte le regole che sia studenti che personale dovranno rispettare.

I primi studenti a tornare in classe saranno quelli dell’Alto Adige, come di consueto: rientro a scuola già dal 5 settembre. Nelle altre Regioni le date oscillano dal 12 al 19 settembre, con un’inevitabile interruzione per molti studenti il 25 settembre, quando si voterà per le elezioni politiche e molti istituti verranno adibiti a seggi.

Vediamo qual è il calendario scolastico completo del ritorno in classe in ogni Regione e quali saranno le regole da rispettare da studenti, docenti e personale tra mascherine, distanziamento e sanificazione.

leggi anche

Piano Scuola 4.0 al via con il Pnrr: ecco cosa prevede

Il calendario del ritorno a scuola Regione per Regione

Come detto, si riparte prima in Alto Adige. Poi toccherà a tutte le altre Regioni. Ecco il calendario completo del rientro in classe:

  • 5 settembre: Alto Adige
  • 12 settembre: Abruzzo, Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Trentino, Veneto
  • 13 settembre: Campania
  • 14 settembre: Calabria, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Umbria
  • 15 settembre: Emilia-Romagna, Lazio, Toscana
  • 19 settembre: Sicilia, Valle d’Aosta

Per molti studenti, comunque, a pochi giorni dall’inizio della scuola ci sarà subito un’interruzione dovuta alle elezioni politiche del 25 settembre: molti istituti, in tutta Italia, chiuderanno per allestire i seggi dove gli elettori saranno chiamati al voto. Un’interruzione che, in alcune Regioni, arriverà a una sola settimana di distanza dal ritorno in classe.

Le regole per il rientro a scuola: stop alle mascherine

Il nuovo anno scolastico inizierà con regole diverse, dopo l’approvazione delle linee guida per il primo e il secondo ciclo che prevedono novità soprattutto per le mascherine. Non ci sarà più, infatti, l’obbligo di indossarle in classe: restano le Ffp2 solamente per i fragili, ovvero chi è più a rischio di malattia grave.

Le mascherine verranno indossate anche in caso di raffreddore, per permettere agli studenti di andare a scuola senza interrompere continuamente le lezioni. Per la scuola dell’infanzia, invece, non cambia nulla: le mascherine per i bambini al di sotto dei 5 anni non erano obbligatorie neanche lo scorso anno e nulla cambierà da questo punto di vista. Mascherine che invece andranno indossate dal personale ritenuto fragile.

Scuola, quando potrebbero tornare le mascherine

In caso di aumento del rischio epidemiologico, con più contagi e una situazione generale più critica, è previsto che possano tornare alcune misure restrittive a scuola. Innanzitutto, dove possibile, il distanziamento di almeno un metro tra gli studenti. Poi potrebbero tornare le mascherine – Ffp2 o chirurgiche – anche in classe, se necessario. Oltre che i pasti su turni a mensa e il consumo della merenda al banco.

Le nuove linee guida prevedono la possibilità di ulteriori restrizioni anche nella scuola dell’infanzia, dove – in caso di peggioramento della situazione epidemiologica – potrebbero tornare il distanziamento, un maggior ricorso alla sanificazione degli ambienti e le attività dei bambini svolte in gruppi fissi, in una sorta di bolla.

Share