Scippi e rapine di orologi in Versilia: i Carabinieri di Viareggio arrestano due pregiudicati napoletani.

Viareggio (LU), 12.12.21

Nella giornata di ieri i militari dell’Arma hanno tratto in arresto Salvatore Febbraio, classe 85, e Massimo Selillo, 45enne, entrambi pregiudicati e residenti ai Quartieri Spagnoli di Napoli poiché destinatari di una misura cautelare restrittiva emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lucca dott.ssa Antonia Aracri.
I due sono accusati di rapine e furti con strappo di orologi preziosi compiuti in Versilia, uno nell’estate del 2019 e due perpetrati in quella del 2021.
L’indagine condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Viareggio, coordinati dal Pubblico Ministero della Procura di Lucca dott. Alberto Dello Iacono, ha consentito di attribuire ai due fermati l’esecuzione di tre episodi di reato avvenuti sul litorale della Versilia e segnatamente tra Forte dei Marmi e Marina di Pietrasanta nel corso dei quali sono stati asportati due orologi “Rolex” del valore di circa 40.000 euro ciascuno nonché un orologio “Patek Philippe” del valore di 20.000 euro circa (quest’ultimo episodio risalente all’estate del 2019).
Le vittime in due dei tre episodi hanno riportato ferite (graffi e abrasioni) a seguito dello strappo del proprio orologio dal polso da parte dei malviventi.
L’attività investigativa dei Carabinieri di Vaireggio, durata diversi mesi e svolta mediante attività tecniche, analisi di tabulati telefonici, acquisizione di immagini di videosorveglianza, individuazioni fotografiche ed escussione di numerosi testimoni, ha permesso di delineare il modus operandi dei malviventi i quali periodicamente organizzavano brevi trasferte a bordo di auto e moto di grossa cilindrata presi a noleggio, partendo da Napoli per compiere i furti e le rapine in Versilia.
Gli stessi, alloggiando in località distanti dalle zone da colpire, si spostavano poi sugli obiettivi dove, una volta individuata la vittima, operavano repentinamente per poi rientrare in Campania.
Sulla base degli elementi di prova forniti dai militari, l’Autorità Giudiziaria ha pertanto ritenuto opportuno emettere l’ordinanza di misura cautelare nei confronti dei due uomini, entrambi con precedenti specifici, anche in considerazione della sussistenza del concreto ed attuale pericolo di reiterazione di reati della stessa specie.
Ieri mattina, a Napoli, è scattato il blitz dei Carabinieri che hanno tradotto nel carcere di Napoli – Poggioreale il Febbraio mentre il Selillo è stato posto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione dei Quartieri Spagnoli.

Share