SARA’ RIQUALIFICATA LA SEDE DELLA CIVICA SCUOLA DI MUSICA DI CAPANNORI A ZONE

Tra gli interventi previsti la creazione di un nuova sala concerti e di una nuova reception e la sistemazione dell’area esterna compresa la facciata

Sarà riqualificato l’edificio di proprietà comunale situato a Zone che da molti anni ospita la Civica Scuola di Musica di Capannori. La giunta ha approvato il relativo progetto che prevede un investimento di circa 150mila euro.

Tra gli interventi in programma il ripristino di alcune pavimentazioni al primo piano, il rifacimento dei servizi igienici esistenti e la realizzazione di un servizio igienico per disabili. Sarà riqualificata anche l’area esterna compresa la facciata.

Previsti inoltre una serie di interventi mirati a riqualificare alcuni locali della scuola in funzione della qualità acustica per l’esercizio e l’ascolto musicale e della valorizzazione scenografica delle performance per rendere la Civica Scuola di Musica di Capannori al passo con gli standard funzionali ed estetici dei luoghi di insegnamento musicale, sia sotto il profilo tecnico-acustuico, sia sotto quello del comfort e dell’immagine complessiva. Più nel dettaglio si prevede la creazione di un nuovo spazio di ascolto-sala concerti da 40 posti, la realizzazione di una nuova reception, nuove dotazioni per il controllo acustico delle 9 aule e nuove funzioni per la sala di registrazione.

L’obbiettivo è infatti quello di creare un luogo dinamico dove imparare a suonare e suonare sia piacevole e acusticamente soddisfacente in modo da rafforzare quello che già costituisce un forte presidio culturale sul territorio.

La Civica Scuola di Musica è una realtà molto importante ed apprezzata per la formazione musicale non solo per il nostro territorio ma anche di quelli limitrofi -afferma l’assessore ai lavori pubblici Pier Angelo Bandoni-. Un luogo importante di conoscenza e apprendimento musicale ma anche punto di riferimento per la comunità come centro di aggregazione giovanile. Per questo motivo abbiamo ritenuto importante anche di concerto con i gestori della struttura di riqualificarne la sede per renderla più decorosa moderna, fruibile e al passo con gli standard dei luoghi di insegnamento musicale”

Share