Sant’Anna di Stazzema, 78 anni dall’eccidio nel ricordo di Enrico Pieri

STAZZEMA – 78 anni dall’eccidio di Sant’Anna di Stazzema. Questa mattina si sono svolte le celebrazioni per commemorare le oltre 560 vittime trucidate dai nazifascisti la mattina del 12 agosto del 1944. E’ stato il primo anniversario senza la figura simbolo della memoria dei martiri, Enrico Pieri, scomparso lo scorso dicembre a 86 anni.

Pieri è stato ricordato più volte durante la cerimonia insieme ad un’altra testimone sopravvissuta alla strage, Cesira Pardini, morta ad aprile a 96 anni. Per la prima volta da diversi anni non ci sono stati rappresentanti di Governo o delle istituzioni europee a tenere l’orazione ufficiale, affidata al sindaco di Marzabotto Valentina Cuppi. Un videomessaggio per l’anniversario di Sant’Anna è arrivato dalla Presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola.

Culmine della cerimonia, dopo la deposizione della corona di alloro al monumento Ossario, è stata la firma dell’atto di nascita della Rete dei Comuni toscani teatro di eccidi nazifascisti. Il protocollo nato da una dichiarazione di intenti firmata lo scorso anno da 25 Comuni maggiormente feriti durante la seconda guerra mondiale. Stazzema è capofila di questo progetto, ed il sindaco e presidente dell’Istituzione Parco della Pace Maurizio Verona il primo firmatario.

Share