Presentazione della mostra fotografica al primo piano e poi incontro con il gruppo di Chirurgia d’Urgenza di Pisa

Continuano anche le altre esposizioni di arte, fotografia e storia che stanno riscuotendo grande successo

 

Oggi (mercoledì 1° luglio), al primo piano dell’ospedale “San Luca” di Lucca, alla presenza del Vice Commissario dell’Azienda USL 2 di Lucca Joseph Polimeni, è stata inaugurata la mostra fotografica di beneficenza, in favore delle popolazioni del Nepal colpite dal terremoto, dal titolo “Namaste Nepal”20150701_081200L’apertura dell’esposizione, che va ad aggiungersi a quelle già presenti ed inaugurate lo scorso 20 giugno nella zona commerciale della struttura, ha coinciso con incontro dibattito, che si svolto nell’aula “Piera Sesti” al terzo piano del “San Luca”, a cui hanno partecipato operatori del Gruppo di Chirurgia d’Urgenza di Pisa che nei mesi scorsi si sono recati in Nepal per aiutare le popolazioni locali colpite dal terribile sisma.

La mostra “Namaste Nepal” al primo piano del “San Luca” proseguirà fino al 15 luglio ed è visitabile tutti i giorni. Lo scopo di questa iniziativa è quello di far sapere cosa è successo in Nepal in quel tragico 25 aprile, le conseguenze del terremoto e l’encomiabile lavoro svolto dal Gruppo di Chirurgia d’Urgenza di Pisa, gruppo all’interno del quale opera anche un’ostetrica dell’Azienda USL 2 di Lucca.

Nell’occasione è stata attivata anche una raccolta di fondi, da donare poi ai bambini rimasti orfani del paese di Satbise, dove hanno svolto la loro attività gli operatori del Gruppo di Chirurgia d’Urgenza, ed a HANUMAN Onlus.

 

Intanto proseguono fino al 15 luglio (sono visitabili dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18) anche le altre mostre allestite al primo piano della struttura ed inaugurate lo scorso 20 giugno, che in questi primi giorni di apertura al pubblico hanno suscitato molti consensi.

20150701_081331

Si tratta di quattro esposizioni curate da professionisti dell’Azienda USL 2:

  • “Luci e colori del San Luca” mostra pittorica di Andrea Azzarelli (cardiologo), autore anche dell’opera scelta per il manifesto dell’iniziativa raffigurante la Torre Guinigi e i tetti del centro di Lucca con i pannelli del nuovo ospedale;
  • “Quando il San Luca non era ancora popolato” mostra fotografica di Laura Crespin (pediatra);
  • “I documenti dell’antico Ospedale San Luca” mostra documentaria – collezione privata famiglia Finucci, a cura del direttore del Polo Endoscopico Giovanni Finucci e dello storico e psichiatra Franco Bellato;
  • “Lucca si prende cura: gli antichi ospedali cittadini” mostra di immagini d’epoca raccolte dal direttore del Dipartimento Materno Infantile Raffaele Domenici (concessione Rotary Club Lucca).

 

 

20150701_165302

Share