Sagre 2020: A Capannori non si terranno.

Oggi (giovedì 25) ho incontrato gli organizzatori delle sagre di tutti i nostri paesi e c’è l’unanimità: questo non è l’anno delle sagre, il 2020 sarà l’anno di qualche cena sotto le stelle (a numeri limitati e solo su prenotazione) per mantenere viva la vita associativa e la coesione della nostra straordinaria comunità.
E poi – nel 2021 – sagre ancora più belle!

Cari cittadini, care cittadine,
Mi sento di dire “grazie” di cuore alle associazioni che da anni organizzano sagre sul nostro territorio, perché hanno tutti deciso che quest’anno non ci sono le condizioni per fare le sagre, perché sagre vuol dire festa, vuol dire ballo, vuol dire paesi che si ritrovano, vuol dire che c’è posto per tutti e così – viste anche le normative anti-Covid19 – quest’anno non potrebbe essere.
Quindi per le sagre andiamo al 2021, e saranno ancora più belle.
Detto questo, anche come amministrazione ci teniamo che la vita aggregativa e associativa dei nostri paesi si ricomponga un po’ in questi mesi post-Coronavirus, dove siamo stati necessariamente lontani.
È importante sentirsi comunità, stare insieme nel rispetto delle regole.
Pertanto siamo d’accordo che potranno essere organizzate delle cene o altre iniziative di socialità a numero chiuso e solo su prenotazione, perché comunque anche in questo 2020 strano ci siano occasioni di incontro e svago accessibili a tutti.
Come amministrazione daremo una mano affinché i nostri paesi vivano e le persone stiano insieme in sicurezza.
Grazie quindi ai sagristi di Lammari, Lunata, Marlia, Massa Macinaia, Matraia, Paganico, Segromigno in Monte e Segromigno in Piano per aver dimostrato ancora una volta che Capannori è una grande comunità.
Grazie a tutti e tutte e viva Capannori!

Share